Avellino, ancora scandalo in un istituto paritario: 3 arresti e 49 indagati

OPERAZIONE DELLA GUARDIA DI FINAZA IN VIA MONTEZEMOLO 42 SEQUESTRO DOCUMENTI PER TRUFFA.

Tre persone arrestate e quarantanove indagate: è questo il risultato di un’inchiesta della Procura di Avellino su un istituto paritario a indirizzo informatico di Conza della Campania.

Diplomi falsi rilasciati con falsa attestazione di frequenza alle lezioni e di svolgimento degli esami: questa l’accusa.

Le indagini della Guardia di Finanza di Avellino riguardano il periodo tra il 2010 e il 2012. Gli attestati sarebbero stati rilasciati ad allievi che non hanno mai frequentato l’istituto e sono stati posti sotto sequestro dalle fiamme gialle. Ancora una volta, dunque, è un istituto paritario a finire sotto la lente d’ingrandimento delle forze dell’ordine. Quello di Avellino è solo l’ultimo di una serie di casi simili già dall’inizio dell’anno.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ecco tutti i contributi a fondo perduto in arrivo dall'UE: "Rilanciamo l'innovazione"

Next Article

E gli studenti si organizzano per boicottare il test

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".