AU, i veri studenti sono a lezione

“Stiamo assistendo ancora oggi a proteste sterili di sedicenti studenti, manovrati dai partiti della sinistra, proprio oggi che alle camera si vota la fiducia a questo governo” è quanto dichiara Andrea Volpi…

“Stiamo assistendo ancora oggi a proteste sterili di sedicenti studenti, manovrati dai partiti della sinistra contro la riforma universitaria, casualmente proprio oggi che alle camera si vota la fiducia a questo governo” è quanto dichiara Andrea Volpi, Coordinatore Nazionale di Azione Universitaria. “Gli slogan con i quali questi burattini di partiti e sindacati dicono di protestare contro il ddl Gelmini sono invece chiaramente destinati a contestare il governo e Silvio Berlusconi”
“Chi è in piazza oggi e assalta sedi di partito, palazzi istituzionali, blocca stazioni, strade e aeroporti non può e non deve essere confuso con la maggioranza degli studenti – continua Volpi – nessuno di questi personaggi si può permettere di rappresentare una generazione di ragazzi che vuole realmente un cambiamento radicale dello stato delle cose e che probabilmente oggi è all’università a seguire le lezioni ammesso che questo sia concesso”
“Siamo stanchi, come studenti, di essere accomunati a questi soggetti che altro non sono che teppisti e marionette manovrate da interessi molto lontani da quelli degli studenti , siamo stanchi, come Azione Universitaria – conclude Volpi – di questa sinistra che guida proteste strumentali e violenti e che è responsabile di aumentare un clima di tensione già alto, e siamo stanchi di assistere al triste spettacolo dei  rettori che accettano o peggio avvalorano l’interruzione del pubblico servizio, di fronte a questo non esiteremo a denunciare tutti coloro che non rispettano il nostro diritto allo studio”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma, fiducia a Montecitorio e scontri in piazza

Next Article

Perché i ricercatori salgono sui tetti

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.