Astronomia vecchia e nuova

A Città della Scienza “Dagli antichi osservatori del cielo alla tecnologie per l’astronomia di oggi”.

Domenica 4 dicembre Città della Scienza ospita una giornata dedicata all’astronomia nel tempo “Dagli antichi osservatori del cielo alla tecnologie per l’astronomia di oggi”.

La scienza più antica, l’astronomia, osserva e studia l’origine e l’evoluzione degli eventi celesti, le proprietà fisiche e chimiche degli oggetti che troviamo nell’universo. Il programma inizierà con con la presentazione degli strumenti astronomici del passato a cura di Laura Franchini degli “Amici di Città della Scienza”, proseguirà con Salvatore Esposito della Facoltà di Fisica della Federico II che spiegherà i neutrini solari.

Alle ore 13.00 un’attività particolare e davvero stimolante, parliamo di “PhotoSun” ovvero fotografare il sole con apparecchiatura professionale insieme al fotografo Giovanni Perna.

Tra i partecipanti anche l’ingegnere aerospaziale Daniel Guariglia dell’associazione studentesca Euroavia “Umberto Nobile” insieme all’esperta di politiche spaziali internazionali Luisa Carbone. I due, accompagneranno i presenti in un percorso tra le missioni spaziali ed illustreranno i possibili mondi alieni, che da sempre incuriosiscono. “Io mi occuperò dell’origine e della storia delle più importanti missioni spaziali – ci ha anticipato Daniel – si tratterà di un’esplorazione molto coreografica e passerò dai primissimi passi dell’astronomia fino alle più recenti tecnologie utilizzate nel settore. Sono molto felice di poter fare questo intervento”.

Alle ore 17.00 “Il cielo della sera” con Maria Saccà dell’Unione Astrofili Napoletani. Alle ore 18.00 interverrà, infine, Franco Ruggieri, uno dei fondatori dell’Unione Astrofili Napoletani, con una discussione sul “Il cielo degli antichi”. Nell’arco dell’intera giornata saranno mostrati gli scatti di Giovanni Perna dal titolo: “Fotografia Spaziale”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

OrangeCamp: "Sdegnat' Carulì!"

Next Article

Monti, ecco il decreto Salva Italia

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.