Arte di orientarsi

Il 12 e 13 aprile presso l’Accdemia di belle Arti di Napoli “OrientArti”

OrientArti” per orientarsi attraverso l’Accademia di Belle Arti di Napoli nei giorni 12 e 13 aprile: due giornate interamente dedicate alla presentazione della prestigiosa istituzione agli allievi del 5° anno di scuole superiori. Offerta formativa, percorsi di studio, opportunità e modalità d’accesso saranno presentati dal Direttore dell’Accademia Prof. Giovanna Cassese, dal Responsabile del Centro per le Attività di Orientamento e Tutorato prof. Davide Siciliano e da due artisti, nonché ex allievi dell’istituto, Barbara La Ragione e Antonio Mancini.
Perché scegliere l’Accademia? Dalle 09.00 alle 16.00 sarà possibile chiederlo direttamente ai responsabili attraverso gli info-point orientamento e l’info-point segreteria. Ci saranno inoltre visite ai laboratori e ovviamente un ampio spazio sarà dedicato al post-laurea con le possibilità di lavoro.
Ma non è finita qui! Durante “OrientArti” si esibiranno “The Coriander Stem” e sarà inoltre adibito uno spazio per writers e arte metropolitana.
Un primo approccio al mondo dell’università anche attraverso il free press del Corriere dell’Università che sarà presentato ai giovani diplomandi e che potranno poi trovare in tutte la facoltà.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Democrazia partigiana

Next Article

Vita senza ossigeno scoperta all'Univpm

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.