Appello politico dall’Università

Un gruppo di docenti universitari ha scritto una lettera aperta al Corriere della Sera in cui si richiede una svolta politica.

Un gruppo di docenti universitari ha scritto una lettera aperta al Corriere della Sera in cui si richiede una svolta politica.

“Oggi – scrivono i professori- è possibile un accordo virtuoso tra i riformisti di questo Paese” sulle riforme necessarie: il presidenzialismo e il doppio turno perché “questa’ è l’ultima chiamata”: “Oggi guardare l’Italia è un dolore: non riusciamo a credere che un Paese cosi’ carico di storia e pieno di energie sia mortificato nel suo orgoglio, sfigurato nelle sue speranze, rassegnato al suo destino”.

I professori ricordano che “il Partito democratico da tempo sostiene il sistema elettorale a doppio turno, per i quale si rende oggi disponibile anche il partito di Angelino Alfano”. E anche Gianfranco Fini “ha recuperato il suo antico cavallo di battaglia ed espresso il consenso al modello francese, chiedendo ai suoi senatori di sottoscrivere gli emendamenti del Pdl”.

Dunque, “l’accordo virtuoso può essere raggiunto, i tempi tecnici ci sono e pare che la volontà politica stia prendendo forma”. E le “prossime elezioni – aggiungono – saranno uno spartiacque.

Se quelle forze saranno in grado di essere all’altezza del momento storico di cogliere questa occasione, potranno riscattarsi agli occhi dei cittadini e avviare finalmente una nuova stagione con un sistema di governo rinnovato, altrimenti verranno definitivamente travolte dall’indignazione e si aprirà una fase ancora più cupa, in cui ogni sbocco è possibile. È in gioco il futuro della nostra democrazia.

Professori firmatari:(Alessandro Campi, Francesco Clementi, Carlo Fusaro, Giovanni Guzzetta, Ida Nicotra, Andrea Romano, Giulio Salerno e Sofia Ventura.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Master in etica del turismo

Next Article

Giovani sul filo del rasoio

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"