All’università per imparare a ridurre i consumi energetici

Il Corso di sopravvivenza energetica, promosso da Enea e dall’università di Roma La Sapienza , insegna come ridurre i consumi energetici.

Un “Corso di sopravvivenza energetica” ecco la chiave d’accesso per un mondo all’insegna del green. Il Corso organizzato dall’Università Sapienza insieme all’Unità Tecnica per l’Efficienza Energetica dell’Enea e all’associazione studentesca “Spazio in movimento” è iniziato il 6 novembre nel Teatro Pier Paolo Pasolini di Roma.

Il corso rivolto agli studenti della Sapienza è gratis e la frequenza darà diritto ad un credito formativo, il percorso è strutturato in quattro incontri, articolati in 4 moduli rispettivamente tenuti il 6, l’8, il 13 e il 15 novembre.
– il primo modulo riguarderà il risparmio energetico e avranno gli strumenti per calcolare il consumo energetico giornaliero;
– il secondo modulo spiegherà come far ridurre i consumi nei vari ambienti domestici, attraverso l’acquisizione di piccoli accorgimenti che garantiscono il risparmio energetico e un vantaggio dell’ambiente, in questo modulo sarà affrontato anche il problema del risparmio energetico nelle apparecchiature elettroniche ( tablet, Pc e smatphone);
– il terzo modulo sarà dedicato alla mobilità sostenibile, cercando di scegliere l’eco-veicolo giusto diventando un buon guidatore green;
– l’ultimo modulo intitolato Comunicare fornirà gli spunti su come trasferire le informazioni ricevute nei network.

Maggiori informazioni si possono ritrovare sul sito dell’università www.uniroma1.it.

Alessia Scotti

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fukushima: ad un anno di distanza raddoppiano i costi di decontaminazione

Next Article

Antonella Clerici e Massimiliano Pani: sarà un flirt proibito?

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.