Alla Liuc si “gareggia” sulla produzione di mascherine

Al via l’Health care management contest a cura dei docenti della laurea magistrale in ingegneria gestionale per la produzione industriale. È aperto agli studenti di tutta Italia. Mille euro in palio

La produzione e la distribuzione di mascherine è certamente uno dei temi più “caldi” di questa emergenza Coronavirus​: perché dunque non rendere protagonisti gli studenti universitari di una competizione basata proprio sulla strategia di questo tipo di aziende? Al via l’Health Care Management Contest, promosso dalla Liuc– Università Cattaneo, a cura dei docenti del percorso Health Care System Management della Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale per la Produzione Industriale. Destinatari sono gli studenti del primo, secondo e terzo anno di ingegneria (di qualsiasi tipo) e di economia aziendale di tutta Italia.

La competizione si svolgerà naturalmente in distance, utilizzando la piattaforma Microsoft Teams: gli studenti si sfideranno attorno alla simulazione del caso di un’azienda che produce mascherine fronteggiando problemi che riguardano la disponibilità dei materiali, la gestione delle scorte, la strategia produttiva, il tutto nel difficile contesto di un’epidemia, con una minore disponibilità di personale e gli inevitabili vincoli burocratici di una fase cosi delicata.

varesenews

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

#LaScuolaNonSiFerma, Azzolina: potenziata alleanza Rai-Ministero. Al via palinsesto dedicato e lezioni in tv per alunni e studenti che sono a casa per l’emergenza coronavirus

Next Article

Troppi studenti senza pc: teledidattica a singhiozzo

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".