Alla Federico II le lingue si imparano con gli scambi tra madrelingua

sfondo.jpg“Sali sul Tandem….con il CLA”. Con questo slogan parte il Progetto Tandem del Centro linguistico della Federico II, che offre a tutti gli studenti di ateneo la possibilità di intraprendere uno scambio linguistico tra due madrelingua.
Il progetto, la cui domanda di partecipazione deve essere presentata entro il 18 luglio, permette, attraverso un’esercitazione di coppia, di imparare, ripassare e perfezionare le proprie competenze linguistiche, il tutto in totale di autonomia di scegliere il luogo e il momento migliore per conversare in un’altra lingua.
“Scopo del Progetto – spiega Loredana Cavaliere, del personale tecnico-amministrativo del centro – è creare un contatto tra i nostri studenti e gli studenti stranieri in erasmus (per i quali le iscrizioni saranno aperte tutto l’anno) qui alla Federico II che desiderano fare nuove amicizie, conoscere abitudini e culture diverse e, allo stesso tempo, perfezionare o imparare la lingua dell’altro”.
Sulla base degli interessi e della lingua scelta il centro provvederà a formare delle coppie di scambio linguistico; in questo modo – continua la dottoressa Cavaliere – i ragazzi potranno condividere i propri interessi nei due incontri settimanali ciascuno di due ore per almeno 5 settimane stabiliti dal CLA, nei quali un’ora sarà riservata alla conversazione in italiano e in un’ora si scambieranno le proprie opinioni nella lingua estera del madrelingua.
Un ultimo vincolo è la compilazione, e poi la consegna, di un diario delle attività che attesti gli incontri effettuati. A fine progetto – conclude Loredana Cavaliere – sarà poi un docente del CLA ad attestare se entrambi i ragazzi della coppia sono riusciti a perfezionare la capacità di dialogo nella lingua prescelta”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nel call center posti part-time

Next Article

SNC per ricucire la frattura generazionale

Related Posts
Leggi di più

Napoli, nasce la Scuola dei Maestri di Strada

È un progetto sociale che mette alla prova il contratto fra le generazioni. L'inclusione sociale implica un cambiamento dell'intera struttura sociale", spiega Cesare Moreno, presidente di Maestri di Strada onlus.