Al via i Campionati di calcio delle Università di Roma

Tra gli ultimi tumulti allo stadio di Genova e le mobilitazioni accademiche alla ricerca di un’università libera e democratica presentiamo uno stacco ludico dell’ambiente universitario. Parte ufficialmente il 20 ottobre la sesta edizione del Campionato di calcio a 11 maschile delle Università di Roma: oltre 500 di ragazzi coinvolti, 10 squadre partecipanti, 9 atenei capitolini rappresentati, più di 100 le partite da giocare tra ottobre e la finalissima di aprile.

Tra gli ultimi tumulti allo stadio di Genova e le mobilitazioni accademiche alla ricerca di un’università libera e democratica presentiamo uno stacco ludico dell’ambiente universitario. Parte ufficialmente il 20 ottobre la sesta edizione del Campionato di calcio a 11 maschile delle Università di Roma: oltre 500 di ragazzi coinvolti, 10 squadre partecipanti, 9 atenei capitolini rappresentati, più di 100 le partite da giocare tra ottobre e la finalissima di aprile.
La settimana successiva, invece, sarà la volta del Campionato di calcio a 5 femminile, giunto quest‟anno alla quinta edizione. Numeri diversi, ma altrettanto significativi: 7 squadre di 6 atenei, una cinquantina gli incontri in programma, quasi 200 le ragazze che scenderanno in campo.
Entrambe le manifestazioni sportive, patrocinate dal Consiglio Regionale del Lazio e dal Comune di Roma, sono state presentate oggi nel corso di una conferenza presso la sede della John Cabot University, a cui hanno preso parte Massimo Zibellini, vice-presidente del Coni Lazio, Paolo Pollak, dirigente del Municipio Roma XII, i vertici della Time Sport, l‟Associazione che coordina l‟evento, i responsabili delle attività sportive di tutti gli atenei partecipanti, e le telecamere di Rdm Channel e UniRoma Tv.
I Campionati, competizioni uniche a livello nazionale, si disputeranno in due fasi: la prima prevede un “girone all‟italiana” con incontri di andata e ritorno; nella seconda fase play-off a eliminazione diretta. Tutti gli incontri saranno diretti dai “fischietti” dell‟ARA-Associazione Romana Arbitri e vedranno la presenza a bordo campo di uno staff medico.
Tagliare ancora una volta il nastro di questi Campionati – spiega il Presidente della Time Sport, Paolo Anedda – rappresenta un’emozione che si rinnova ogni anno: in pochi avrebbero scommesso sulla continuità della manifestazione. Per l’organizzazione che rappresento è motivo di grande orgoglio coordinare questo evento. Un ringraziamento ai responsabili dei vari atenei che si prodigano con generosità e passione assicurando ogni stagione il loro impegno, fondamentale per la riuscita del Campionato. Speriamo che presto anche le istituzioni ci affianchino in maniera concreta per assicurare agli studenti un prodotto ancora migliore”.
Nel Campionato di calcio a 11 maschile fari puntati sulla rappresentativa Erasmus, campione in carica e imbattuta da oltre un anno, Roma Tre, finalista della scorsa edizione, la Cattolica, che ha portato a casa la Coppa nel 2009 e il Foro Italico, vincitore nel 2007. Ai nastri di partenza anche la Link Campus Malta, la Lumsa e i due atenei “stranieri” The American University of Rome e John Cabot University, compagini storiche del Campionato. Due le novità: Università Europea e Luspio all‟esordio nella manifestazione. Assenti ingiustificate Sapienza, Luiss, Campus Biomedico e Tor Vergata, presenti invece nelle scorse edizioni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Occupazioni simboliche degli universitari

Next Article

Lectio con Rodotà

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".