Al centro della terra con Futuro Remoto

XXV edizione della rassegna che quest’anno studia ed esplora la terra nei suoi aspetti più oscuri.

Al via la XXV edizione di Futuro Remoto con il “Viaggio al centro della terra” che quest’anno studia ed esplora la terra nei suoi aspetti più oscuri.

L’inaugurazione si è tenuta ieri sera presso la Sala Newton di Città della Scienza con la conferenza scientifica sul neutrino e i sui tanti misteri di Antonio Ereditato, fisico sperimentale partenopeo, direttore dell’Istituto di Fisica delle Alte Energie.

Un filmato con la storia della fondazione ha aperto l’incontro. “In questo documento c’è tutto – ha commentato il Sindaco di Napoli Luigi de Magistris – la classe operaia, la scienza, il mare, la storia.
Amiamo molto Bagnoli e qui si gioca una sfida importante, siamo tosti di fronte a chi vuole che nulla si faccia. Voglio sognare una Napoli dove a Bagnoli è possibile fare il bagno ma anche impresa perché Bagnoli è un bene comune come il mare e la cultura. Dobbiamo passare dagli incubatori di imprese alle imprese mettendole insieme alle istituzioni e università.
Il lavoro oggi è ancora troppe volte un privilegio piuttosto che un diritto”.

Parla di divulgazione scientifica come operazione democratica l’Assessore regionale alla Ricerca Scientifica Guido Trombetti: “occorre rompere il muro del tecnicismo che divide il mondo della scienza dal cittadino”.

Vittorio Silvestrini ripercorre la storia della Fondazione, un’avventura partita nel 1987 negli anni della dismissione con il processo della delocalizzazione “alla Marchionne” con l’inaugurazione degli spazi Idis nel ’92 alla quale prese parte anche Rita Levi Montalcini e il via alla costruzione di un’economia basata sulla conoscenza.

Il Presidente Silvestrini ha ricordato le attività internazionali, i numerosi riconoscimenti e premi, come il Descartes dell’Unione Europea per la comunicazione scientifica nel 2006, volgendo subito uno sguardo al futuro con i prossimi obiettivi: completare le strutture, coinvolgere e attrarre le eccellenze produttive e scientifiche della regione e realizzare “Corporea” un museo del corpo umano. E ancora, collegare Città della Scienza via mare con Mergellina e una nuova fermata della metropolitana.Tutti progetti da realizzare e completare in vista del Forum delle Culture del 2013, ha sottolineato Silvestrini rivolgendosi al Sindaco de Magistris.

i.b.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nuovo appalto per il Policlinico di Caserta

Next Article

Gli eurogiovani: non solo studenti

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.