Aiutare gli studenti nell’acquisto dei libri di testo

L’associazione Apotema dell’Università Federico II di Napoli, ha istituito un servizio di prenotazione online e di acquisto dei testi universitari utili per i corsi di laurea di ingegneria civile ed architettura della Federico II.

libri

L’associazione Apotema dell’Università Federico II di Napoli, ha istituito un servizio di prenotazione online e di acquisto dei testi universitari utili per i corsi di laurea di ingegneria civile ed architettura della Federico II.

Attraverso tale servizio gli studenti potranno prenotare online i testi segnalati all’associazione dai propri docenti e ritirarli comodamente in aula negli orari delle lezioni.
Obiettivo dell’iniziativa è facilitare lo studente nell’acquisto dei testi universitari garantendogli, attraverso un’ordinazione cumulativa fatta direttamente alla casa editrice, un risparmio fino al 50%. Inoltre si persegue l’obiettivo di incentivare l’acquisto dei testi originali e quindi di disincentivare il diffuso utilizzo dei libri fotocopiati.

L’iniziativa è stata lanciata il 18 febbraio e si concluderà la prima settimana di marzo, quando cominceranno i corsi del 2° semestre, per poi riattivarsi all’inizio del prossimo anno accademico.

Il servizio è accessibile dal sito dell’associazione Apotema: www.associazioneapotema.it. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con i Dipartimenti, appena istituiti, di Ingegneria Civile, Edile ed Ambientale e di Strutture per l’Ingegneria e l’Architettura della Federico II.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Nasce la scuola del futuro: via classi e cattedre, allievi liberi negli spazi comuni

Next Article

Si vota, e il mondo della formazione lancia le sue priorità

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".