AgriTorino, terre da coltivare a chi non ha un lavoro

Schermata 2013-03-01 a 15.59.08

Coniugare sostegno al reddito,agricoltura ecosostenibile e formazione professionale. Questo l’obiettivo del Progetto AgriTorino, un’iniziativa solidale che unisce le grandi sigle del volontariato torinese come Sermig, Cottolengo e Salesiani, affiancate da Padri Somaschi, PerMicro e Piazza dei Mestieri. In un momento di grave crisi economica il Progetto AgriTorino propone un patto tra produttori e consumatori: terre abbandonate o sottoutilizzate saranno affidate ai “nuovi” agricoltori del 2013 (giovani e disoccupati) formati secondo criteri di un’agricoltura ecosostenibile, con l’obiettivo di offrire un reddito equo a chi le coltiva, garantire un prezzo etico a comunita’ e famiglie in difficolta’ e mettere a disposizione dei consumatori prodotti di qualita’ a prezzi contenuti.

L’iniziativa partira’ utilizzando i terreni dati in comodato d’uso, inizialmente da Cottolengo e Salesiani che metteranno a disposizione 15 giornate di terra in localita’ Cumiana e Caramagna, in provincia di Torino e Cuneo, ma altri privati e aziende hanno dato la loro disponibilita’. L’intero progetto e’ gestito da un Comitato, il cui presidente e’ Riccardo Rossotto, che si e’ costituito oggi. “In uno dei momenti piu’ difficili per l’Italia – spiega Ernesto Olivero, fondatore del Sermig – noi abbiamo un grande sogno, quello di creare posti di lavoro stabili e questo progetto puo’ dare grande speranza”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Manifestazione studentesca a Milano, cariche della polizia

Next Article

Incontro Scuola-Imprese, coinvolti 4mila giovani

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.