1ª VISITA DI UN CAPO DI STATO AL CONI

In data 12 Giugno 2017, Sergio Mattarella ha incontrato lo Sport Italiano; per la prima volta, nei 103 di esistenza del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, un Presidente della Repubblica ha fatto visita a Palazzo H. Ad accoglierlo una location speciale nel cuore dello Stadio dei Marmi, scelta di grande tradizione. Il Presidente ha così dimostrato la vicinanza della massima istituzione dello Stato nei confronti del movimento agonistico nella sua accezione globale.
Importante riflettere ancora una volta sul significato dello Sport nel mondo odierno e dei suoi valori, in particolare la dimensione unificatrice e aggregatrice a livello universale;  Quest’ultimo non rimane a sé stante, ma è corroborato da una costellazione di valori: spirito di gruppo, competizione sana, fair play, educazione al rispetto delle regole e del prossimo, sono fondamenti non solo di una gara sportiva, ma della stessa civiltà umana. Per questo è essenziale che le nuove generazioni continuino ad essere educate allo sport, parte integrante di una vera formazione integrale della persona, al fine di creare una società più rispettosa.
 
Paolo Massimo Campogrande

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Buon compleanno Erasmus, cerimonie a Strasburgo per i 30 anni

Next Article

La rassegna stampa di mercoledì 14 giugno

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.