Università: a Milano e Roma arrivano i test d’ingresso a distanza

test d'ingresso

 Numero chiuso? Arrivano i test a distanza. La sperimentazione ci sarà all’Università di Milano-Bicocca, la prima in italia a introdurre il computer based test. Sono 500 i posti disponibili per il corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche

L’’Università di Milano –Bicocca, prima in Italia, introduce il test d’ingresso a distanza (CBT, computer based test) per i corsi a numero programmato. Il primo corso a partire, e a sperimentare la novità già da quest’anno, è il corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche (500 posti disponibili).

Non sarà quindi più necessario raggiungere la sede dell’’Ateneo per fare il test ma lo si potrà sostenere in una delle 21 sedi certificate e accreditate in tutta Italia: da Roma a Bologna, da Genova a Cagliari, da Ancona a Brindisi a Reggio Calabria.

Il computer based test, che affianca il tradizionale paper based test (PBT) è stato progettato attraverso un accordo con il Consorzio Cineca, che ha sviluppato una piattaforma dedicata e ha certificato le sedi di svolgimento.

Parallelamente all’’introduzione del test a distanza sono state anche anticipate le date di svolgimento. Gli studenti interessati al corso di laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche possono quindi fare il test (paper based) presso l’’Ateneo il 17 maggio 2014 oppure il test a distanza il 23, il 30 aprile 2014 e il 9 maggio 2014.

Il test a distanza consiste in una batteria di 100 domande a risposta multipla alle quali rispondere in 75 minuti, esattamente come per la prova cartacea. Il punteggio finale della prova è immediatamente visualizzato sulla postazione del candidato al termine del test, e vale il 50 per cento del punteggio finale di ammissione (l’’altro 50 per cento è determinato dal voto di maturità).

Per permettere ai candidati di familiarizzare con il test da remoto è stato anche realizzato un simulatore online che riproduce, in maniera ridotta nel numero e nel tempo a disposizione, le domande e le modalità di funzionamento del software. Il simulatore è disponibile alla pagina www.unimib.it/ammissionestp.

“Questa novità – dice Paolo Cherubini, prorettore alla Didattica – si affianca ad altre iniziative introdotte di recente dall’’Università di Milano-Bicocca, fra le quali la riduzione a 10 euro del costo del contributo per la partecipazione a tutti i test di accesso svolti in sede. Costo che si attesta al livello più economico tra le università italiane. Un’’iniziativa che ha lo scopo di facilitare la possibilità per gli studenti di partecipare anche a più di un test a costi accessibili”.

Un esempio, quello dell’Università Milano-Bicocca, che è stato presto seguito da altri prestigiosi Atenei, in primis la Libera Università Internazionale degli Studi Sociali “Guido Carli” (LUISS). Anche l’Ateneo romano, infatti, ha annunciato che permetterà di sostenere il test d’ingresso anche in remoto, in una delle 28 sedi predisposte.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Redditi: Non è un Paese per laureati

Next Article

Start Up - Premi a chi investe

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.