Unipa, nessuna aula al dottorando suicida

Il padre del dottorando suicida a Palermo Norman, Claudio Zarcone, continua lo sciopero della fame per protesta contro la mancata attuazione dell’intitolazione dell’aula

Il padre del dottorando suicida a Palermo Norman, Claudio Zarcone, continua lo sciopero della fame per protesta contro la mancata attuazione dell’intitolazione dell’aula: «Ho ricevuto – dice – la telefonata dell’assessore Mario Centorrino, il quale, esortandomi a smettere dal digiuno volontario, mi ha commosso per la sua sensibilità e partecipazione umana».

Il senatore Pdl Pietro Paolo Amato intanto ha depositato un’interrogazione al ministro per l’università, Mariastella Gelmini, sull’Aula da intitolare a Norman Zarcone, «prima promessa dal rettore (insieme al dottorato di ricerca alla memoria) e non ancora intestata per ignoti motivi la cui natura e dinamiche non sono tuttora chiare».

Nell’interrogazione del Pdl viene chiesto al ministro come mai non sia stata ancora intitolata l’Aula, malgrado una richiesta ufficiale dello stesso ministro al rettore Lagalla, sottolineando, inoltre, che è stata pure rimossa la targa affissa autonomamente dagli studenti.

Il portavoce nazionale dell’Italia dei Valori, Leoluca Orlando, dice:«I numerosi appelli di intitolare un’aula della facoltà di lettere a Norman Zarcone sono rimasti fino ad ora inascoltati e apprendere la notizia di un atto vigliacco come quello della rimozione della targa con la fotografia del dottorando, simbolo di lotta alle baronie, è sicuramente uno schiaffo alla sua memoria. Esprimo tutta la mia solidarietà ai familiari di Norman Zarcone».
Fonte: Ansa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

A scuola di liberalismo

Next Article

Eco-design

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".