Studenti e manager al lavoro

Programma di mentoring in accordo tra atenei italiani con lo scopo di avvicinare il mondo dell’università a quello del lavoro in una dimensione intergenerazionale.

Programma di mentoring in accordo tra università itailane con lo scopo di avvicinare il mondo dell’università a quello del lavoro in una dimensione intergenerazionale. Questo, in breve, l’obiettivo del Progetto Concresco – Accompagniamo il Futuro

Concresco è un programma di mentoring promosso da Prospera – Progetto Speranza e da Valore D – Donne al vertice per l’azienda di domani.

Il progetto si propone di affiancare a laureandi e giovani laureati imprenditori, manager e professionisti che, mettendo a disposizione l’esperienza
professionale ed umana maturata nel corso della vita, li accompagnino nella difficile fase dell’ingresso nel mondo del lavoro.

L’iniziativa, che nei prossimi anni si augura di estendere la partecipazione a circa 200 studenti e manager, ha coinvolto fino ad oggi, 60 laureandi/laureati del Politecnico di Milano, del Politecnico di Torino e della Sapienza – Università di Roma.

La presentazione del progetto avverrà il 14 giugno 2012 alle ore 11.30 presso la Sala del Chiostro della Facoltà di Ingegneria Civile ed industriale della Sapienza.

Le tre sedi universitarie coinvolte saranno collegate in video-conferenza con i tre Rettori ed è prevista la partecipazione del Ministro dell’Istruzione,
dell’Università e della Ricerca prof. Francesco Profumo.

Ulteriori informazioni sono sul sito www.ing.uniroma1.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giovani sul filo del rasoio

Next Article

Realismo o costruttivismo? Dibattito con giovani studiosi

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".