UDU: 4 giugno in piazza per le lauree abilitanti per il diritto al lavoro

L’UDU chiede: ABOLIZIONE DELL’ESAME DI STATO SUBITO!

Il 4 Giugno 2020, alle ore 15, saremo in piazza davanti a Montecitorio, nel rispetto di tutte le normative vigenti in materia di distanziamento sociale e prevenzione al COVID-19, al fianco di Li.G.Avv. (Libera e Giovane Avvocatura) – neonata associazione di praticanti avvocati – ed a tutti i giovani laureati nonché agli studenti afferenti ai corsi di laurea cosiddetti professionalizzanti: Psicologia, Farmacia e CTF, Biologia e Biotecnologie, Veterinaria, Odontoiatria, Chimica, Ingegneria, Servizio Sociale, Architettura, Economia tra le altre.

La richiesta che poniamo con forza è una sola: abolire l’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio delle professioni ordinistiche e rendere le lauree abilitanti, come già è stato fatto, negli scorsi mesi, per medicina e chirurgia.

L’esame di stato, concetto ben distinto dal concorso pubblico, rappresenta l’ennesimo blocco per tutti coloro che dopo lunghi anni di studio vorrebbero semplicemente poter mettere in campo le competenze acquisite.
L’inutilità di questa prova è data dal fatto che non aggiunge niente di più a quello che tanti giovani già acquisiscono con la Laurea – conseguita dopo anni di studio – sia a livello nozionistico che a livello pratico con i diversi tirocini, sia pre che post laurea, e con i lunghi mesi di praticantato per quanto riguarda la professione di avvocato. Questi ultimi, in particolare, svolgono pratica forense per almeno 18 mesi ed in assenza di qualsivoglia remunerazione. Ad oggi, rispetto ai colleghi di cui sopra, sono stati esclusi da ogni provvedimento, come fossero “giovani” di serie b rispetto a tutti gli altri.

Senza alcuna rilevanza per le singole categorie, le suddette problematiche vengono rese ancora più evidenti dalla situazione emergenziale che tutti stiamo vivendo. Pur di mantenere una inutile e ulteriore prova il Ministero (salvo che per i praticanti avvocati a cui non è neanche stato concesso questo, come sopra affermato) ha dato indicazione di fare gli esami di Stato anche a distanza, abolendo le prove pratiche e mantenendo una sola prova orale che dovrebbe essere omnicomprensiva, fatta a distanza ed in modalità telematica.

Tuttavia, a poco più di un mese dall’inizio delle prime prove ancora non si hanno notizie certe né sulle modalità né sui contenuti delle prove, lasciando nella confusione e nello sconforto tanti aspiranti giovani professionisti che, invece, altro non chiedono che la possibilità di mettere in campo le proprie competenze e provare ad immaginare un futuro dignitoso in questo Paese, come a buon diritto, impone la Costituzione.
L’Italia, anche grazie a questo tipo di sbarramenti, troppo spesso, ha visto e vede ancora tanti giovani costretti a emigrare alla ricerca di un futuro migliore.
Ci chiediamo quale valenza formativa imprescindibile possa avere una prova del genere.

Ci rivolgiamo ancora una volta alla politica ed al Governo, affinché diano, subito, risposte alle istanze di migliaia di giovani che in questi mesi hanno con forza chiesto l’abolizione dell’esame di stato, le lauree abilitanti o altresì il mero passaggio ad una prova orale.
Scendiamo in piazza per rivendicare il nostro futuro, per chiedere di abolire questi inutili sbarramenti che altro non fanno che evocare il medievale concetto di protezionismo.
Chiediamo che i nostri titoli siano valorizzati e resi abilitanti, che sia riconosciuto il nostro percorso formativo: che venga riconosciuto il DIRITTO AL LAVORO.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Orari vestiti e comportamenti, tutto quello che c'è da sapere sulla Maturitàventiventi

Next Article

Scuola, per la riapertura a settembre Azzolina convoca un tavolo con Giuseppe Conte

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"