Ecco i vincitori del torneo federiciano

Il torneo IngCup 2008, torneo di calcio promosso dagli studenti di ingegneria della Federico II, si è concluso giovedì 5 giugno con la premiazione della squadra C.C.B a piazzale Tecchio presso la sede centrale dell’Associazione Assingeneria.
Alla premiazione ha partecipato il dottor Nicola Menda, appartenente all’Ordine degli ingegneri di Napoli e spesso presente alle attività ed iniziative promosse dai membri dell’Assingegneria.
Dopo che le squadre “Anella”, “Eaf”, “Meccanical Energy” sono capitolate, nella fase finale hanno solcato il suolo del campo da calcio gli studenti della squadra “C.C.B” e quelli della squadra “Gamberirossi”.
Nonostante il sondaggio fatto sul sito dell’AS.SI proclamasse i Gamberirossi come vincitori, quest’ultimi hanno avuto la peggio perdendo con un punteggio di 1 a 2. L’importante è però partecipare, non vincere e ieri mattina gli aspiranti ingegneri hanno dato prova di ciò. Infatti alla premiazione erano presenti non solo i componenti della C.C.B ma anche tanti altri ragazzi che hanno partecipato al torneo che -ricordiamo – si è svolto da marzo a maggio.
“Il nostro intento principale è stato raggiunto”-ha affermato Luigi Napoletano, presidente del consiglio degli studenti dell’ateneo federiciano – “abbiamo infatti creato, grazie allo sport, un momento di aggregazione tra persone che invece quotidianamente si incontrano in un contesto che sprona molto alla competizione, ossia l’ambiente universitario. Soprattutto sono soddisfatto per il riscontro che tale iniziativa ha ottenuto tra studenti e studentesse. Ho ricevuto infatti molte richieste da parte delle ragazze di formare per il prossimo anno team solo al femminile”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Sob ha offerto biglietti gratis per Gomorra

Next Article

Scuola: il programma del ministro

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"