Test medicina, omosessualità paragonata a malattia. Fedeli: "Progess test vergognoso"

Una domanda sulla percentuale di omosessuali tra gli uomini inserita tra le domande su diagnosi, genetica, malattie e comportamenti da tenere dinnanzi a certe malattie mette in imbarazzo l’università di Torino. “Quale sia la stima del verificarsi dell’omosessualità nell’uomo” è uno dei quesiti posti al Progress Test di Medicina–  un monitoraggio dei livelli di competenze acquisite durante l’iter universitario – finito nel mirino di Marco Grimaldi, consigliere regionale di Sinistra Italiana, e di Cathy La Torre, avvocato, ex consigliera comunale di Sel a Bologna, attivista Lgbt, vicepresidente del Mit (Movimento identità transessuale): “Abbiamo avuto, in forma anonima, una delle domande del test Progress sottoposta a 33mila studenti di Medicina, somministrati per valutarne i progressi nell’apprendimento”, attaccano. “Vogliamo sapere e lo pretendiamo: la comunità medica italiana ritiene ancora che l’omosessualità sia una malattia? Vogliamo sapere che senso ha chiedere a dei futuri medici la stima dell’omosessualità nell’uomo? Viene anche chiesta la stima della eterosessualità dell’uomo? Perché è bene ricordare che eterosessualità e omosessualità sono entrambe ‘varianti’ naturali del comportamento umano”.
I politici di Sinistra italiana ne chiedono conto alla Conferenza del Presidi delle facoltà di Medicina: “Perché questa domanda nel 2017? Non certo per rendere medici e scienziati persone migliori e con meno pregiudizi”. Una svista che accende la rabbia delle associazioni e non solo: “Sembrerebbe che al Ministero qualcuno non sappia ancora che l’omosessualità è stata eliminata dalla lista delle malattie mentali da ormai 27 anni”, scrive Michele Albiani, Responsabile nazionale diritti dei giovani democratici. E a HuffPost Italia dichiara: “C’è da chiedersi se non ci sia stato dolo da parte di qualche funzionario del Miur, nella redazione del progress test, ai danni della ministra Fedeli, che ha da sempre a cuore le cause della comunità LGBT, come tutti ben sappiamo. Che ci sia da prendere qualche provvedimento, tempestivo e trasparente, all’interno degli uffici è cosa certa”.
La replica della ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli non si fa attendere: “È francamente incredibile e a dir poco inaccettabile – afferma – che l’omosessualità sia stata inserita nella categoria delle malattie. Mi auguro che la Conferenza dei corsi di laurea in medicina provveda a eliminare dall’elenco delle domande del Progress test quel vergognoso quesito, che le risposte a esso date non siano tenute in considerazione ai fini della valutazione del progresso nell’apprendimento di studentesse e studenti, e che il responsabile di quanto accaduto sia adeguatamente sanzionato”. “Discriminazioni, totale mancanza di rispetto, simili livelli di ignoranza sono elementi con cui mai vorremmo venire a contatto, tanto meno – conclude Fedeli – nelle università italiane, che sono luoghi deputati non solo alla conoscenza, ma all’alta formazione, con tutto quel che questo significa. In termini culturali e di civiltà”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 16 novembre

Next Article

Erasmus: tra tempo e spazio

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".