Test d’ingresso – Pubblicata la graduatoria di Veterinaria

graduatoria di veterinaria

Test d’ingresso – Pubblicate le graduatorie di Medicina Veterinaria. Come per quelle di Medicina, anche la graduatoria di Veterinaria vede punteggi molto bassi: il primo in graduatoria, ad esempio, ha ottenuto “solo” 70,30 sui 90 punti a disposizione (punteggio ottenuto da un candidato che ha sostenuto la prova presso l’Università Statale di Milano). Tuttavia, confrontando il punteggio massimo ottenuto lo scorso anno (67,70), a Veterinaria, a differenza di quanto accaduto per Medicina e Odontoiatria, sembra che lo standard si sia alzato quest’anno.

I posti messi a disposizione dal Miur per l’accesso al corso di laurea in Medicina Veterinaria 2014/2015 erano 774, in calo rispetto agli 832 dello scorso anno. A sostenere il test d’ingresso si erano presentati lo scorso 9 Aprile in 6.743, per cui la prova d’accesso è stata superata solo da un candidato ogni 8,7.

Il numero di idonei è sopra la media nazionale negli atenei di Padova (72,4%), Torino (71,4%), Milano Statale (72,3%), Parma (68,5%), Bologna (65,6%), Pisa (63,9%). Fatta eccezione per le Università di Camerino, Sassari e Teramo, tutti gli altri atenei collezionano almeno un piazzato fra i primi 100. Con una concentrazione di ‘genietti’ a Padova, dove 31 partecipanti al test sono fra i 100 ‘top’ del test 2014.

Il voto medio (su 6.743 prove corrette, le altre sono state annullate) è stato di 24,56 punti (era di 23,54 punti nel 2013). Il 61,6% dei partecipanti (pari a 4.159 candidati) ha superato il test ed è risultato idoneo. Ha totalizzato cioè almeno 20 punti necessari per concorrere alla graduatoria nazionale e alla distribuzione dei posti. Fra gli idonei il punteggio medio è di30,27.

Bassa, ma non bassissima, la soglia d’ingresso: il candidato alla posizione n. 774, infatti, ha totalizzato 39,70 punti, anche se, considerando gli scorrimenti e i posti messi a disposizione per gli studenti non residenti nell’Unione Europea, il punteggio minimo per accedere ai corsi di Veterinaria dovrebbe abbassarsi ulteriormente.

Record negativo per l’ultima posizione in graduatoria che ha totalizzato un punteggio di -17,70 punti staccando di molto anche la terzultima e penultima posizione, ferme rispettivamente a -9,80 e -10,30. Solo sei, infine, gli studenti che, tra risposte corrette, errori e caselle lasciate in bianco, hanno chiuso in perfetto equilibrio ottenendo il poco ambito punteggio “zero”.

La pubblicazione della graduatoria nazionale nominale è prevista il 12 maggio. Mentre il 20 maggio saranno definite le assegnazioni dei posti nelle Università e aperte le immatricolazioni.

graduatoria veterinaria

Nel calcolare i punteggi è stata ammessa anche una doppia risposta corretta ad uno dei quesiti (il n. 49).

CONTROLLA LA TUA POSIZIONE IN GRADUATORIA QUI

Guarda anche la graduatoria ufficiale di Medicina e Odontoiatria

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La scuola non è sicura: il paesino del Sud in soccorso di quello al Nord

Next Article

Iscrizione a Medicina: il no del giudice che può fermare chi "evita" l'esame

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".