Test d'ingresso, la carica degli 80 mila. A Medicina passerà solo 1 candidato su 6

I candidati al test d’ammissione (Foto Omniroma)

Sono 79.451 i candidati che hanno perfezionato l’iscrizione ai test per l’accesso ai corsi a numero programmato: Medicina e Odontoiatria, Architettura, Veterinaria. La procedura si è chiusa ieri alle 15.00.
In 60.639 hanno fatto domanda per la prova di Medicina e Odontoiatria. Gli iscritti al test erano 64.187 nel 2014. Con appena 9.513 posti disponibili per Medicina e 792 per Odontoiatria, solo 1 candidato su 6 riuscirà ad accedere ai corsi per guadagnarsi l’agognato camice bianco.
Gli aspiranti architetti sono 10.994, erano 11.884 al test del 2014. In questo caso, il rapporto tra posti disponibili (7.802) e posti a disposizione scende a 1,4.
Mission impossible per gli aspiranti veterinari: in 7.818 si sono iscritti alla prova di Veterinaria, rispetto ai 6.940 del test precedente. Con appena 717 posti disponibili, solo 1 su 10 riuscirà ad iscriversi al corso di laurea prescelto.
Anche per le prove di quest’anno restano 60 i quesiti a cui i candidati dovranno rispondere in 100 minuti, mentre la ripartizione del numero di domande per ciascun argomento è stata modificata in favore del numero dei quesiti delle materie ‘disciplinari’ con una riduzione delle domande di cultura generale e logica.
Per il test di Medicina in lingua inglese ci sono 3.918 iscritti, rispetto ai 4.954 dello scorso anno. I posti  sono 204 per cittadini comunitari e non residenti in Italia e 101 per i non comunitari residenti all’estero.
La prova di Medicina e Odontoiatria è in calendario l’8 settembre, quella di Veterinaria il 9, quella di Architettura il 10, Medicina in Inglese il 16.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di venerdì 24 luglio

Next Article

Le migliori Università italiane secondo il Censis: al top Siena, Trento e Macerata

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".