Terremoto, le università milanesi si mobilitano

apertura-pagina-6.jpgAnche l’Università è stata profondamente colpita. Il Terremoto non l’ha risparmiata e con la demolizione totale della Casa dello Studente le ha inflitto il colpo di grazia. Ma studenti, docenti e tutto il personale tecnico non sono mai stati lasciati da soli.
Intorno a loro si è creata una vera rete di aiuti provenienti da tutti gli organi istituzionali.
In prima fila la Crui, la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane, che ha lanciato un appello per aiutare l’Università dell’Aquila e aprire un apposito conto per affrontare gli interventi più urgenti e la ricostruzione. Anche le università italiane non si sono tirate indietro e quelle Milanesi hanno risposto all’appello, pronte a sostenere ogni iniziativa e a farne partire delle nuove.
La Statale lancia il suo programma di aiuti. “Fra i dolori e i disagi che il terremoto ha portato, ci sono quelli degli studenti, dei professori e di tutto il personale dell’Università dell’Aquila”. Con queste parole la Statale fa breccia nei cuori degli studenti e dei docenti dell’ateneo milanese promuovendo due modalità di aiuto. Da una parte è possibile dare il proprio contributo facendo un versamento sul conto: Università Emergenza Terremoto codice IBAN IT 80 V 03226 03203 000500074995, dall’altro il personale dell’Ateneo potrà contribuire direttamente online dal 15 aprile, scegliendo di devolvere una o più ore di stipendio.
30 posti letto alla Bocconi. Così la Bocconi si è esposta in prima linea offrendo 30 posti letto a docenti e studenti dell’ateneo coinvolto dal sisma. Ha inoltre invitato i 264 studenti della comunità bocconiana provenienti dall’Abruzzo (36 quelli dal capoluogo) a rivolgersi a Salvatore Grillo (Isu Bocconi, tel. 02-5836.2149, [email protected]) per assistenza. La Bocconi inoltre ha invitato il corpo docente, gli studenti e il personale a contribuire al fondo istituito dalla Conferenza dei Rettori per la ricostruzione degli edifici dell’Università de L’Aquila. Il conto si chiama UNIVERSITA’ EMERGENZA TERREMOTO e l’IBAN è IT 80 V 03226 03203 000500074995.
Milano-Bicocca raccoglie fondi. Anche l’Università degli Studi di Milano-Bicocca sta organizzando una raccolta di fondi fra il proprio personale, le cui modalità di adesione saranno comunicate nei prossimi giorni.

Anna Di Russo 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Impegno a Salerno per ricostruire la Casa dello Studente

Next Article

L'Aquila ripartirà dall'Università

Related Posts
Leggi di più

L’Università piace sempre di meno agli adolescenti italiani: dopo la maturità solo il 63% vuole continuare a studiare

Un'indagine dell'associazione no-profit Laboratorio Adolescenza e dell'Istituto di ricerca IARD su 5600 adolescenti della fascia di età 13-19 anni svela come la voglia di iscriversi ad un corso di laurea dopo il diploma è in discesa libera. Cresce invece il desiderio di partire per l'estero alla ricerca di nuove opportunità.