Tagli all’Università: “A pagare sono sempre gli studenti. Sono scelte inaccettabili”

Tagli all'Università

 

Tagli all’Università – Decreto del Fare: ancora polemiche dopo l’approvazione in commissione di un emendamento che finanzia “il fondo per il merito della Gelmini con i soldi degli Atenei”. E’ questo il duro comunicato della Federazione Lavoratori della Conoscenza. Dopo la Crui, anche la FLC si schiera contro.

“Ecco il vero volto della retorica del merito tanto usata in Italia – scrivono i lavoratori della conoscenza. Apprendiamo dagli organi di stampa che nel Decreto Legge “del fare” presentato alla Camera, su cui è stata posta la fiducia, viene finanziato il Fondo per il Merito istituito dalla Legge 240/2010 “Gelmini” che sarà gestito da una specifica fondazione. Il finanziamento viene previsto sottraendo circa 250 milioni di euro al fondo di funzionamento ordinario degli Atenei italiani.

È bene ricordare che il fondo per il merito, finalizzato a finanziare strumenti di sostegno al diritto allo studio per i soli studenti “meritevoli” e non anche “privi di mezzi”, doveva essere finanziato in via prevalente da privati e deve operare, peraltro, in base ad un meccanismo di “prestiti”. Ovviamente, in questi anni, di privati finanziatori non se ne sono visti – continua il comunicato.

In altri termini, l’emendamento approvato sottrae alla generalità degli studenti 240 milioni di euro per finanziare una fondazione che, con tale dotazione, ha più risorse dell’ormai inesistente fondo integrativo per il diritto allo studio col quale si finanziano oggi le borse di studio degli studenti capaci, meritevoli e privi di mezzi. Questo fondo, ad oggi, prevede 160 milioni di euro per il 2013 e non è stato ancora finanziato per il 2014!

È del tutto evidente che se oggi, con un fondo di funzionamento ordinario degli atenei non riesce più a coprire le spese fisse, i servizi agli studenti saranno domani sempre meno garantiti. Con questo taglio i primi a pagare sono – ancora una volta – proprio gli studenti insieme ai tanti giovani  precari che vedranno definitivamente scomparire ogni opportunità di reclutamento. Peraltro, con questo taglio la gran parte degli atenei italiani entreranno in una condizione economica di pre-dissesto.

Al danno si aggiunge, quindi, la beffa – continua la nota. A dispetto della tanto sbandierata VQR con la quale si sarebbe dovuto attribuire una quota sempre più ampia di finanziamenti agli atenei “meritevoli”, i 240 milioni di euro verranno sottratti proprio alla quota premiale che, un diverso emendamento pure approvato, vuole innalzata dal 13,5% al 20%.

Chiediamo al governo di fare marcia indietro. Queste scelte sono irresponsabili e inaccettabili – conclude il comunicato.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Londra, ancora un murale di Banksy rimosso

Next Article

Alcol, Facebook e solitudine: benvenuti nel mondo delle ragazzine drunkoressiche: "Sono impressionato"

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".