Studente morto in un incidente, Giuseppe distante 70km dall’azienda dove svolgeva lo stage

Si svolgeranno domani i funerali di Giuseppe Lenoci, lo studente di 16 anni morto lunedì scorso in seguito ad un incidente stradale mentre stava svolgendo uno stage. Le indagini degli inquirenti sono concentrate a capire cosa ci facesse il ragazzo a così tanta distanza dalla sede dell’azienda.

Cosa ci faceva Giuseppe Lenoci a 70km di distanza dall’azienda dove stava svolgendo uno stage? È la domanda a cui gli inquirenti stanno cercando di rispondere per capire le cause che hanno portato alla morte dello studente di 16 anni che frequentava il centro di formazione professionale Artigianelli di Fermo.

La Procura adesso indaga per omicidio colposo e una parziale risposta a questi dubbi potrebbe arrivare dal racconto del tutor di Giuseppe che in quel tragico lunedì si trovava alla guida del furgone che si è schiantato contro un albero nei pressi di Serra de’ Conti provocando la morte sul colpo del ragazzo. L’uomo, che era rimasto ferito in seguito all’incidente, è stato dimesso ieri dall’ospedale e oggi dovrebbe essere ascoltato dai carabinieri che indagano sulla tragedia.

Giuseppe Lenoci, aveva 16 anni.

Quello che gli inquirenti hanno ricostruito fino a questo momento è che l’auto si stava dirigendo verso l’abitazione di una famiglia che aveva urgente bisogno di riparare una caldaia. L’automobile però viaggiava lungo una tratta che non sarebbe compatibile con il raggio d’azione entro il quale avrebbe dovuto circolare, stando agli accordi per questi progetti di formazione. Per questo sarà necessario capire perché Giuseppe si trovasse all’interno di quel mezzo. Il sospetto – come riporta oggi il Corriere della Sera – è che il ragazzo fosse impegnato in un intervento professionale vero e proprio, un particolare vietato dal percorso di formazione che invece avrebbe dovuto svolgere.

Intanto domani, giovedì 17 febbraio, a Monte Urano, dove Giuseppe viveva con la famiglia, si svolgeranno i funerali. La sindaca, Moira Canigola, ha proclamato un giorno di lutto cittadino.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Riforma dei test di ingresso, approvata risoluzione alla Camera: “Più posti per Medicina"

Next Article

Pancia e gambe scoperte in solidarietà con la studentessa offesa da una docente: la colorata protesta degli studenti del liceo Righi

Related Posts
Leggi di più

“Foto osé in cambio della sufficienza”: chiuse le indagini nei confronti del prof di matematica. Nei guai anche la preside che non denunciò

La Procura di Cosenza ha chiuso le indagini preliminari sul caso delle presunte molestie al liceo "Valentini-Majorana" di Castrolibero. Il docente accusato di violenza sessuale, tentata violenza sessuale, molestie sessuali e tentata estorsione. In un caso chiese a una ragazza di scattarsi una foto del seno se voleva ottenere il 6 nella sua materia.