Statale di Milano, biblioteca by night

libro.jpgLa biblioteca centrale dell’Università Statale di Milano stasera è aperta, per la prima volta, fino alle 22.30. L’iniziativa è nata dagli studenti di “Biblioteche e luoghi di studio”, uno dei numerosi gruppi di lavoro che si sono formati in questi mesi di mobilitazione degli atenei, che presenteranno un dossier sui luoghi di studio nell’ateneo.
Il dossier “Biblioteche, sale di consultazione e luoghi di studio” offre un censimento delle biblioteche della Statale, attraverso schede che riportano i regolamenti, i servizi offerti, alcuni dati (numero di volumi, periodici e di posti a sedere, orari, personale e posti per collaborazioni studentesche ‘150 ore’) e osservazioni che comprendono pregi e difetti del servizio.
Il volume, promosso per richiedere spazi dove poter studiare anche durante la sera sul modello di quanto fatto in altre università italiane e soprattutto straniere, presenta anche una mappa delle aule vuote dell’ateneo, con la proposta di destinarle a luoghi di studio. Il lavoro verrà in futuro allargato a tutte le biblioteche rionali della città.
«La biblioteca – spiegano i ragazzi del gruppo – è per definizione il primo luogo dove deve essere garantito il diritto allo studio e alla libera fruizione del materiale didattico. Ma sappiamo che la realtà è diversa. Come posso studiare se chiudono alle 17.30, se le informazioni sul funzionamento delle biblioteche e sui servizi sono introvabili e se non riesco a trovare i libri per il prossimo esame?».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Bridgestone indice un concorso per aspiranti giornalisti

Next Article

Ricerca, la Gelmini punta al 2%

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.