Specializzazioni, una pioggia di ricorsi sta per abbattersi sul MIUR

ricorso medicina

Quasi certamente la decisione del Ministero dell’Istruzione, non far ripetere il test per l’ammissione alle Scuole di specializzazione di Medicina, non fermerà la pioggia di ricorsi che da tutta Italia sta per abbattersi sul concorso segnato dalle prove invertite.

Il Ministero ha fatto le sue valutazioni assieme ai legali che lo rappresentano, e ritiene valida, sul piano giuridico, la decisione di non rifare l’esame e di ricalcolare i punteggi. Ma i concorrenti sono sul piede di guerra, e in tanti hanno già consultato gli avvocati per iniziare azioni comuni.

Saranno tanti i ricorsi che arriveranno davanti al Tar – 11.242 è il numero dei potenziali interessati – per chiedere l’ammissione in virtù dell’errore, a prescindere dal punteggio ottenuto nel test. Ci sono però varie tipologie di ricorso allo studio, che comprendono anche le condizioni in cui si è svolto l’esame.

C’è chi infatti denuncia l’accesso libero su internet durante la prova, o la possibilità di copiare. Non solo. Alle domande che saranno portate davanti al tribunale amministrativo ci potranno essere anche quelle di risarcimento danni ai tribunali civili. Qualcosa a cui il Codacons aveva pensato, quando la prima indicazione ministeriale era quella di ripetere il test il 7 novembre.

Con un modulo, ancora presente sul sito, si annunciava possibilità di adesione “per la restituzione delle somme spese per prendere parte alle prove, il risarcimento del danno subito a causa dell’errore commesso da Cineca, nonché del danno derivante dalla mancata stesura delle graduatorie finali”. Vedremo quali saranno gli effetti della decisione ministeriale su questa iniziativa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Fabiola Gianotti è il nuovo direttore generale del CERN: "Un grande successo per la scienza italiana"

Next Article

Specializzazioni mediche, la diretta dalla manifestazione nazionale. Giannini risponde alla Camera: "Oggi le graduatorie"

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.