Smart Pasta, Barilla ha indetto un contest di food design

Barilla Group, in collaborazione con Desall, la piattaforma di crowdsourcing che connette aziende e privati, grazie a una community mondiale di talenti creativi, promuove un bando di concorso per giovani talenti con idee innovative nel settore alimentare. Ai candidati è richiesto di proporre nuovi formati di pasta, pensati per l’innovativa stampante 3D per la pasta, presentata a maggio alla fiera Cibus 2016.
Barilla è alla ricerca di nuovi formati di pasta appositamente pensati per l’innovativa stampante 3D per la pasta, annunciata in anteprima ad Expo 2015 e presentata al pubblico alla fiera CIBUS 2016. L’azienda, prossima a celebrare il 140° anno di attività, si affida ora alla community di designer e creativi di Desall per esplorare le enormi potenzialità che offre questa nuova tecnologia produttiva, traducendo in un formato innovativo i valori e la cura per la tradizione che da sempre contraddistinguono il suo brand.
In palio ci sono 3000 euro da dividere fra i primi tre classificati.
I criteri di valutazione:
Originalità
Fattibilità
Coerenza con il brief
La partecipazione al contest è gratuita e aperta a tutti i creativi con un’età superiore ai 18 anni.
Per candidarsi c’è tempo fino al 1 marzo 2017.
Maggiori informazioni sul sito https://desall-stuffs.s3.amazonaws.com/brief/SMART-PASTA_brief_ITA.pdf

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 20 dicembre

Next Article

La rassegna stampa di giovedì 22 dicembre

Related Posts
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.