All’Orientale incontro sullo sviluppo locale

Si svolgerà lunedì 12 maggio 2008 l’ incontro conclusivo che chiuderà il ciclo di seminari che l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” ha organizzato sul tema “I percorsi e le prospettive dello sviluppo locale”.
I seminari si legano al Master in International and Local Development di Stoà e l’incontro in questione sarà forse il più interessante del ciclo in quanto tratterà un tema quanto mai attuale: la globalizzazione e il rapporto della società italiana (in questo caso campana) con la sfera orientale, realtà che sta assumendo importanza sempre più grande nella nostra vita.
All’appuntamento, dal titolo “Tra locale e globale: la regione Campania di fronte agli scenari dell’Asia orientale”, coordinato dal professor Paolo Frascani, parteciperanno molti professori sia dell’Orientale sia di altri atenei. L’incontro si terrà presso la sede di Palazzo Mediterraneo, in via Marina 59, alle ore 15.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tirocini nel commerciale a Milano

Next Article

Europa alla lavagna

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".