"Se vuoi laurearti vieni nuda sotto la toga": ex prof dell'Università di Bari indagato per molestie

“Se vuoi laurearti presentati completamente nuda, indossando sola la toga”. Chiesto il rinvio a giudizio per un ex docente dell’Università degli Studi di Bari, dipartimento di Taranto (ora in pensione). Le accuse sono di concussione, violenze sessuali e abuso di potere e di autorità, violenza sessuale e abuso d’ufficio.
I fatti – come riportato dal Nuovo Quotidiano di Puglia – sarebbero avvenuti in un periodo compreso fra il 2012 e il 2016. Il procedimento è stato aperto dal sostituto procuratore della Repubblica Antonella De Luca. Quattro le studentesse universitarie che la pm ha già identificato e indicato come persone offese. Tuttavia, parte offesa nel procedimento figura anche l’Università di Bari.
L’episodio più grave ai danni di una studentessa, oggi 30enne. Nel luglio 2013, l’accusa pubblica parla di atti di palpeggiamenti al seno e di inviti alla giovane di “recarsi nello studio di Bari per la correzione della tesi in abiti succinti”. Sempre ai danni della stessa ragazza, che oggi ha trent’anni, il prof avrebbe rivolto l’invito, se voleva laurearsi, di presentarsi in sede di laurea “completamente nuda, indossando la sola toga”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sapienza, quando il "pride" non s'ha da fare: protesta delle associazioni Lgbt

Next Article

Mimmo Lucano alla Sapienza. Questore vieta manifestazione di Forza Nuova

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".