Se la cooperazione è autoreferenziale

cooperazione.jpgAlle sessioni mattutine della giornata di studi intitolata “Forum italiano della cooperazione e delle università”, presso l’Aula Magna dell’ateneo Sapienza di Roma in occasione del Giubileo Paolino degli universitari, ci si aspettava una maggior partecipazione di pubblico. Invece c’erano poco meno di cento persone, compresi i molti relatori che si susseguivano sul palco. Tanto che, all’inizio dei lavori, con mezzora di ritardo rispetto alla tabella di marcia, le prime tre file riservate-ma-non-occupate sono state liberate dai cartoncini con la scritta “riservato”.
Saluti di rito, ringraziamenti per l’accoglienza, interventi di una lunghezza francamente eccessiva: tanto che la moderatrice dell’incontro – la professoressa Stefania Giannini, rettore dell’Università per Stranieri di Perugia – cerca di ricordare di “tenersi nei 5 minuti previsti” ma poi s’arrende all’andazzo e deve sorbirsi relazioni di 15-20-25 minuti con tanto di presentazione in powerpoint.
La lunghezza delle relazioni introduttive e dei saluti dei numerosi delegati dei rettori degli atenei coinvolti nell’iniziativa ha inciso sul calendario della giornata, facendo slittare al pomeriggio tutta la parte di dialogo e confronto con gli studenti dei corsi di laurea, dei master e dei dottorati afferenti all’area della cooperazione.
In pratica per quasi tre ore pochi addetti ai lavori (alla presenza di uno sparuto gruppo di studenti) hanno relazionato sui progetti internazionali dei rispettivi atenei, comunicando i risultati raggiunti e gli obiettivi fissati per il futuro a breve-medio-e-lungo termine. Per carità: tutte iniziative lodevoli e degne di attenzione. Ma – anche da rumors raccolti in platea dagli stessi relatori che erano appena scesi dal palco – non si riusciva a capire bene il senso degli interventi in quel contesto: una carrellata molto autoreferenziale, una comunicazione promozionale sulle attività della propria realtà accademica. Stop. Come se l’annuncio di aver fatto qualcosa valesse più dell’evento in sé e per sé. Un venerdì 13 per la cooperazione, non c’è che dire.

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Anvur e concorsi riforma secondo atto

Next Article

Con Cinemonitor il cinema diventa 2.0

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".