Scuola digitale, on line il primo bando per la fornitura di tablet e lavagne digitali agli istituti

Diventa attivo a tutti gli effetti da oggi, con la pubblicazione del primo bando, il portale del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca ‘Protocolli in Rete’, lanciato lo scorso 18 dicembre. Una vetrina digitale attraverso la quale le scuole potranno partecipare a pubblici avvisi per incrementare la loro dotazione tecnologica. I bandi sono il frutto di Protocolli firmati dal Miur con aziende, associazioni, fondazioni ed enti.
Il primo Avviso, che fa seguito all’accordo Miur-Samsung Elettronics Italia Spa (SEI), mette sul piatto, nell’ambito del progetto “Smart Future”, 54 lavagne interattive multimediali e 1.350 tablet che saranno distribuiti a 54 classi di scuola primaria e secondaria di primo grado secondo criteri oggettivi e trasparenti specificati nell’avviso. Le scuole interessate potranno inviare le domande dal 26 gennaio al 9 febbraio prossimi. Nei prossimi giorni, seguiranno altri avvisi con altre aziende firmatarie di protocolli o accordi già pubblicati .
La vetrina ‘Protocolli in Rete’ ha avuto una fase di ‘rodaggio’ nelle scorse settimane, fra il 18 dicembre e il 9 gennaio, periodo durante il quale le scuole hanno potuto familiarizzare con il funzionamento della piattaforma aderendo ad un bando fac-simile. Una “prova sul campo” che ha visto l’adesione di 3.558 istituti che hanno prodotto 8.541 domande. Una partecipazione che conferma il valore di progetti che puntano a coinvolgere in modo innovativo e trasparente società civile e imprese nel processo di implementazione tecnologica delle scuole.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

I 6 geni italiani campioni del mondo nella programmazione

Next Article

Gli studenti contro il Family Day 3.0: "La scuola deve essere un luogo di libertà"

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".