Sardegna, pubblicato il portale di inserimento professionale

L’Agenzia per il lavoro della Regione Sardegna ha pubblicato un portale dedicato al bando per il Piano di Inserimento Professionale (PIP) grazie al quale tutti i giovani della regione potranno caricare i propri dati utili per accedere al PIP.

L’Agenzia per il lavoro della Regione Sardegna ha pubblicato un portale dedicato al bando per il Piano di Inserimento Professionale (PIP) grazie al quale tutti i giovani della regione potranno caricare i propri dati utili per accedere al PIP. In modo concerto ogni giovane avrà l’opportunità di svolgere una prima esperienza lavorativa presso un’azienda privata o in associazioni di categoria, studi, ordini o collegi professionali.

Il Piano, che prevede una durata complessiva di 960 ore, si articolerà in 760 ore lavorative e 200 ore di formazione. Inoltre, al fine di incoraggiare e sostenere i giovani, è previsto un corrispettivo mensile di 619.20 euro (in caso di PIP semestrale full-time) o di 309.60 euro (in caso di PIP annuale part-time). Ogni partecipante avrà un tutor aziendale che lo guiderà nell’apprendimento.

Possono partecipare al bando entro e non oltre il 31 dicembre 2011 tutti i giovani della Regione Sardegna di età compresa tra i 18 e i 25 anni (se posseggono esclusivamente un diploma di scuola secondaria) oppure fino a 29 anni (se si attesta di essere titolari di laurea anche triennale). L’incontro tra domanda e offerta avverrà direttamente sulla piattaforma digitale poiché tutti i giovani e le aziende dovranno prima iscriversi alla banca dati collegandosi al sito www.regione.sardegna.it sezione “Servizi al cittadino – Bandi” e in seguito visionare tutti gli annunci presenti nella vetrina per trovare il candidato o l’azienda più consoni alle proprie esigenze.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Giovani: non solo bamboccioni

Next Article

Gelmini e Fitto incontrano i rettori delle Università del Sud

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale