Rivalorizziamoci

Si terrà oggi a Sant’Agata de’Goti “La valorizzazione e il recupero dei beni ambientali e culturali”

La valorizzazione e il recupero dei beni ambientali e culturali attraverso la lettura e l’analisi filologica dei testi e delle epigrafi e la valutazione basata sull’analisi multicriteriale: l’Area di Sant’Agata dei Goti” è il tema del convegno che si svolgerà oggi presso la Chiesa di S. Francesco a Sant’Agata de’ Goti.
Al progetto partecipano i ricercatori di diverse università campane ed interverranno tra gli altri il preside della facoltà di Lettere e Filosofia della Federico II Arturo De Vivo, il preside della facoltà di Architettura della SUN Carmine Gambardella e il Preside della facoltà di Scienze economiche e aziendali dell’Università del Sannio Massimo Squillante.
Lo scopo principale del progetto è di unire obiettivi di arricchimento metodologico in settori quali l’analisi filologica e multicriteriale attraverso la costruzione di sistemi informativi territoriali, pervenendo così ad una rivalorizzazione dell’area di Sant’Agata de’ Goti .

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Domeniche in arte

Next Article

Vampiromania: dal fascino del proibito all'integrazione del diverso

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".