Riparte la scuola. Salato il conto per le famiglie

Riparte l’anno scolastico, un nuovo anno pieno di spese per le famiglie italiane. Le mamme e i papà spenderanno mediamente 100 euro in più per i libri di testi. Nel 2011 la spesa ammontava a circa 400 euro, dai prossimi giorni si tratterà di 500 euro nei licei, negli istituti professionali la spesa sarà leggermente inferiore.

Riparte l’anno scolastico, un nuovo anno pieno di spese per le famiglie italiane. Le mamme e i papà spenderanno mediamente 100 euro in più per i libri di testi. Nel 2011 la spesa ammontava a circa 400 euro, dai prossimi giorni si tratterà di 500 euro nei licei, negli istituti professionali la spesa sarà leggermente inferiore. Sono questi i dati raccolti dal Movimento Consumatori.

Da qualche tempo, per cercare di risparmiare, le famiglie si rivolgono alle grandi catene come Auchan e Coop dove il costo dei libri di testo è più contenuto. In base all’indagine del movimento, si apprende che la spesa complessiva per un corredo di marca in un ipermercato è di 72 euro a Bari, 79 a Roma e 82 a Milano a fronte di 107 a Bari, 119 a Roma e 132 a Milano se si sceglie di fare rifornimento al dettaglio.

Grande compagno di avventura, il diario non può proprio mancare nello zainetto dei nostri figli. Per fortuna su questo fronte arrivano buone notizie: i prezzi sono, infatti, decisamente in calo. Per Milano si parla di -83%.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Penne e quaderni contraffatti, maxisequestro della gdf a Padova

Next Article

Contro gli affitti in nero: Atenei come agenzie immobiliari

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.