Riparte la scuola. Salato il conto per le famiglie

Riparte l’anno scolastico, un nuovo anno pieno di spese per le famiglie italiane. Le mamme e i papà spenderanno mediamente 100 euro in più per i libri di testi. Nel 2011 la spesa ammontava a circa 400 euro, dai prossimi giorni si tratterà di 500 euro nei licei, negli istituti professionali la spesa sarà leggermente inferiore.

Riparte l’anno scolastico, un nuovo anno pieno di spese per le famiglie italiane. Le mamme e i papà spenderanno mediamente 100 euro in più per i libri di testi. Nel 2011 la spesa ammontava a circa 400 euro, dai prossimi giorni si tratterà di 500 euro nei licei, negli istituti professionali la spesa sarà leggermente inferiore. Sono questi i dati raccolti dal Movimento Consumatori.

Da qualche tempo, per cercare di risparmiare, le famiglie si rivolgono alle grandi catene come Auchan e Coop dove il costo dei libri di testo è più contenuto. In base all’indagine del movimento, si apprende che la spesa complessiva per un corredo di marca in un ipermercato è di 72 euro a Bari, 79 a Roma e 82 a Milano a fronte di 107 a Bari, 119 a Roma e 132 a Milano se si sceglie di fare rifornimento al dettaglio.

Grande compagno di avventura, il diario non può proprio mancare nello zainetto dei nostri figli. Per fortuna su questo fronte arrivano buone notizie: i prezzi sono, infatti, decisamente in calo. Per Milano si parla di -83%.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Penne e quaderni contraffatti, maxisequestro della gdf a Padova

Next Article

Contro gli affitti in nero: Atenei come agenzie immobiliari

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.