Quanti passi occorrono per smaltire le patatine?

patatine

Inserire le calorie nei menù aiuta scientificamente a controllare le proprie abitudini alimentari. E non solo.
Indicare quante ore di cammino occorrano per smaltire alimenti come le patatine e gli hot dog potrebbero dissuadere i clienti
dal mangiarne in eccesso.

A rivelarlo è uno studio dei ricercatori dell’Università del North Carolina (USA) in uno studio pubblicato su Appetite.
I ricercatori hanno analizzato i comportamenti di 800 adulti e hanno distribuito dei menù in quattro varianti:

a) senza informazioni sulle calorie apportate; b) con gli apporti calorici di ciascuna scelta; c) con le calorie e i minuti di cammino necessari per smaltirle; d) con le calorie e i chilometri da percorrere per bruciarle.

I risultati?
In assenza di informazioni nutrizionali, i pasti erano molto più ricchi e si aggiravano intorno alle 1020 Kcal.
Chi però leggeva il menù contenente le indicazioni su quante ore di cammino ci sarebbero volute per smaltire quegli alimenti, ordinava di Sole 916 cal.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Resuscita durante la veglia funebre: "Mi è stata data un'altra possibilità"

Next Article

No di LinkedIn alle escort. Ma la prostituzione è "lecita" su Facebook

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.