Psicologia cognitiva targata UniSob

Il Suor Orsola Benincasa ha istituito un nuovo corso di laurea: Scienze e tecniche di psicologia cognitiva.

Il Suor Orsola Benincasa di Napoli ha istituito un nuovo corso di laurea nell’ambito della Facoltà di Scienze della Formazione presieduta dal prof. Lucio D’Alessando: Scienze e tecniche di psicologia cognitiva.

Per accedere al corso, diretto dalla professoressa Maria Antonella Brandimonte (in foto), è necessario superare il test d’ingresso che si svolgerà il prossimo 15 settembre a seguito del quale verranno selezionati 300 studenti. “La selezione sarà molto accurata, intendiamo offrire un servizio di grande qualità a studenti con la maggiore preparazione così da formare eccellenze per il futuro” ha spiegato la prof. Brandimonte.
Il corso, fornisce competenze nelle discipline psicologiche, nei metodi e procedure d’indagine scientifica e negli strumenti per la comunicazione e la gestione dell’informazione e si divide in due percorsi: Ergonomia cognitiva e Psicologia delle risorse umane.

“Un corso nuovo che non si sovrappone a quelli esistenti in Campania e al sud. La caratteristica fondamentale è quella di essere improntato alla professionalizzazione degli studenti e allo sviluppo del territorio e non solo attraverso la teoria ma soprattutto con la pratica sul campo. Ovviamente, per formare nuove eccellenze ne occorrono di altre, per questo il corso si avvarrà di figure tra le più importanti nel mondo accademico”.

La prof.ssa Brandimonte si è detta molto orgogliosa del successo raggiunto: “La buona riuscita di questo nuovo corso si deve alla maturità raggiunta in questi anni nel campo della psicologia e soprattutto alla dedizione con cui il Magnifico Rettore Francesco De Sanctis e il Preside Lucio D’Alessandro svolgono il loro lavoro sempre teso all’eccellenza dell’ateneo”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Innovatori o innovatrici? Questione di gender

Next Article

Unileo 4 light: luce per gli studenti ipovedenti

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.