Progetti del Poliba per un futuro sostenibile

Sinergia tra mondo accademico ed industriale: il Politecnico di Bari e il Gruppo Calearo, hanno stretto un accordo di collaborazione su progetti riguardanti le fonti energetiche rinnovabile.

Sinergia tra mondo accademico ed industriale: il Politecnico di Bari e il Gruppo Calearo, azienda vicentina all’avanguardia nei sistemi di connettività e nella telematica, hanno stretto un accordo di collaborazione su nuovi progetti riguardanti le fonti energetiche rinnovabili, i dispositivi basati su meta materiali, nonché lo sviluppo ed il consolidamento di ricerca scientifica avviata dal Ce.R.Ca., il Centro di Ricerca Calearo su tecnologia per antenne miniaturizzate, per attività di integrazione nelle telecomunicazioni wireless,  e ulteriori studi e ricerche avanzate per il mercato delle antenne intelligenti MIMO, (Multiple In Multiple Out )e della nuova generazione LTE Long Term Evolution.
“Il Politecnico di Bari – ha sottolineato Nicola Costantino, rettore del Politecnico – è particolarmente lieto di avviare una collaborazione scientifica con il Gruppo Calearo, che ricopre posizioni di assoluta leadership internazionale in numerosi ambiti applicativi delle tecnologie più avanzate, nei quali i propri ricercatori, in particolare quelli dei Dipartimenti di Elettrotecnica ed Elettronica e di Ingegneria Meccanica e Gestionale operano, con prestigiosi riconoscimenti internazionali, da molti anni. Gli incontri preliminari hanno confermato la possibilità di conseguire, in particolare attraverso la costituzione di laboratori di ricerca condivisi, preziose sinergie tra il nostro Politecnico, unico nel Mezzogiorno, ed un Gruppo industriale che ha saputo raggiungere risultati di assoluta rilevanza internazionale senza perdere quella vocazione alla creatività ed all’innovazione che costituisce il più prezioso patrimonio dell’industria nazionale. Desidero ricordare che il progetto si avvarrà, inoltre, della importante collaborazione dei colleghi ricercatori del Dipartimento Interuniversitario (Università e Politecnico) di Fisica ”
«La collaborazione – spiega Massimo Calearo Ciman, presidente del Gruppo Calearo, – si propone di esprimere un protocollo di eccellenza per il trasferimento multilaterale di esperienza, competenze e obiettivi nel mondo della ricerca & sviluppo tra il Ce.R.Ca. ed il Politecnico di Bari. Il Centro Ricerche Calearo collabora da sempre nel mondo della R&D e ha riconosciuto nel Politecnico di Bari un distretto di competenze, conoscenze e capacità di assoluta avanguardia espressa ad ogni livello con una cultura di civiltà umana assoluta, moderna e pragmatica. Il Gruppo Calearo, prosegue il Presidente, è oggi fornitore di eccellenze e primati tecnologici nell’automotive, infotainment e wireless, è nato all’insegna della tecnologia dei segnali, partendo dai campanelli per biciclette e con una continua scintilla innovativa con mio padre Alessio e mia madre Lucia, continua con me e proseguirà con i miei figli».
«Le tematiche gestionali di collaborazione con il CerR.Ca e il Politecnico di Bari – ha riferito nel corso dell’incontro Vito Rotondi, Amministratore Delegato del Gruppo Calearo – si inseriscono perfettamente nei quattro macrofiloni dei futuri scenari industriali: l’ambiente, la telematica, la sicurezza e la sostenibilità. Di fatto si tratta di una collaborazione interdipartimentale con lo spirito di innovazione, integrazione e di ottimalità, condiviso dal Politecnico di Bari e dal Ce.R.Ca  che riconoscono i temi intelligenti di un mondo industriale, accademico e dei servizi che muovono verso la convergenza multimediale. È un tema inarrestabile che conduce alla leadership della tecnologia e all’ottimizzazione dei costi».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Respira meglio, civilmente

Next Article

Rete29aprile in aula

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale