Profumo: “Contro l’Hiv bisogna partire dalle scuole”

Contro il virus dell’Hiv “bisogna ripartire dalle scuole, che sono la rete attraverso cui e’ possibile dare indicazioni e fare formazione. Il nostro e’ un Paese ancora a rischio medio alto, per cui non bisogna assolutamente abbassare la guardia”. Anzi, “e’ il momento di ripartire con campagne di comunicazione”. Ad affermarlo il ministro dell’Istruzione, dell’universita’ e della ricerca, Francesco Profumo, intervenuto questa mattina a Roma a un incontro sulla lotta all’Aids.

“Sono stati fatti molti passi in avanti nella ricerca – continua Profumo – ma non bisogna abbassare la guardia. In Italia si parla di 4 mila nuove infezioni all’anno. I problemi maggiori sono legati alle diagnosi tardive. L’incontro di oggi deve riportare l’attenzione su quanto resta ancora da fare, puntando sulla ricerca e sulle campagne. Prevenzione e contrasto devono andare di pari passo. Questa e’ la strada per avere un paese migliore”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Un doodle celebra la nascita di Ada Lovelace, prima programmatrice informatica

Next Article

Protesta di studenti e prof: a scuola oltre il suono della campanella

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident