Presente e futuro dello studio delle lingue

Il Dialogo Interculturale è uno dei motori principali dell’Unione Europea, pone la diversità linguistica e l’interazione culturale come elementi fondanti di un’unione europea consapevole delle proprie radici. Tuttavia, lo studio delle lingue viene considerato una laurea “debole” che non consente un percorso lavorativo di successo. A tale proposito abbiamo dialogato con il il prof., Miguel Teruel, della Facoltà di Filologia, Traduzione e Comunicazione.

Il Dialogo Interculturale è uno dei motori principali dell’Unione Europea, pone la diversità linguistica e l’interazione culturale come elementi fondanti di un’unione europea consapevole delle proprie radici. Tuttavia, lo studio delle lingue viene considerato una laurea “debole” che non consente un percorso lavorativo di successo. A tale proposito abbiamo dialogato con il il prof., Miguel Teruel, della Facoltà di Filologia, Traduzione e Comunicazione dell’Università di Valencia (Spagna).
Gli studenti spagnoli ci spiega il prof. Teruel accettano con entusiasmo il programma Erasmus come occasione di scambio culturale. Ci spiace apprendere che spesso si lamentano della disorganizzazione del “Bel Paese”, mentre gli studenti italiani sono soliti sorprendersi della disponibilità dei docenti spagnoli e della loro giovane età, oltre ad apprezzare l’intensa vita notturna.
Da notare che in Spagna si è instaurato il sistema SICUE (scambio degli studenti tra le Università Spagnole), una sorta di Erasmus a livello nazionale: “L’idea è buona ma difetta nell’aspetto logistico. Non è facile per gli studenti spagnoli andare a vivere da soli, ancora di più scegliere di trasferirsi in un’altra città”.
L’Università spagnola mira alle competenze professionali con attenzione. Nei prossimi anni, afferma il prof. Teruel “lo studio delle lingue sarà fondamentale per svolgere attività di mediazione nell’ambito multilinguistico nella sempre più complessa Europa”.
Il rapporto dei giovani con la letteratura è in stretto legame con le loro abitudini di lettura. Di solito si interessano per tematiche che abbiano una rilevanza nel mondo contemporaneo e per gli approcci trasversali , per esempio, il rapporto letteratura- cinema.
La scommessa per il futuro professionale degli studi linguistici è la carta vincente per una formazione attiva e propositiva; meno favorevole, conclude il docente, l’atteggiamento a volte lamentoso e vittimistico degli studenti che ignorano o non utilizzano i mezzi alla loro portata.
Amanda Coccetti

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

ItaliaCamp: esponi, ascolta

Next Article

Riparte "Come alla Corte di Federico II"

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".