Polimi, per un'università migliore

Il Politecnico di Milano esprime profonda preoccupazione per il declino scientifico, tecnologico e culturale del nostro paese che rischia di aggravarsi a seguito della crisi economica in atto…

Il Politecnico di Milano:

  • esprime profonda preoccupazione per il declino scientifico, tecnologico e culturale del nostro paese che rischia di aggravarsi a seguito della crisi economica in atto;
  • sottolinea la rilevanza strategica dell’università sia sul versante della formazione culturale e professionale sia su quello della ricerca scientifica: due elementi da cui dipende la capacità del Paese di rispondere in modo adeguato ai problemi e alle sfide poste dal nuovo quadro mondiale;
  • ribadisce la qualità del sistema universitario italiano in rapporto alle limitate risorse disponibili, anche se spesso sottovalutata.

Il Politecnico di Milano:

  • condivide la necessità di una riforma universitaria, purché basata  sui principi dell’autonomia, della valorizzazione del merito, della trasparenza e della responsabilità nella gestione degli Atenei;
  • sottolinea altresì i rischi della campagna di discredito dell’università, in particolare di quella pubblica, oggi in atto. Questa campagna, costruita in gran parte su giudizi parziali e sommari, può allontanare i giovani più dotati dal mondo dell’alta formazione e della ricerca o comunque spingerli ad abbandonare il nostro Paese.

Il Politecnico di Milano ribadisce:

  • la necessità di un finanziamento adeguato e “certo” per il sistema universitario, basato sui risultati della ricerca e della formazione di ciascun Ateneo;
  • l’importanza di evitare interventi normativi che, invece di incentivare competitività ed autonomia dell’università, introducano eccessi di regolamentazione destinati inevitabilmente a ridurre la qualità dei nostri Atenei;
  • l’imprescindibilità di un crescente sostegno al Diritto allo Studio Universitario, senza il quale l’accesso alla formazione superiore sarebbe inevitabilmente precluso agli studenti meritevoli ma privi di mezzi.
Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ddl Gelmini, facciamo il punto

Next Article

Studenti in scena

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.