Padova, scoperta maxi truffa nella ricerca scientifica: 200 indagati

Un’inchiesta della guardia di finanza di Padova ha portato alla luce una maxi frode per 45 milioni di euro, realizzata tramite l’emissione di false fatture per far ottenere ad aziende indebiti crediti d’imposta. Gli indagati sono oltre 200. La frode riguarda il settore della ricerca scientifica. E’ stata individuata un’associazione per delinquere finalizzata alla illecita fruizione di agevolazioni fiscali riconosciute dallo Stato.
Gli inquirenti hanno indagato sull’utilizzo delle agevolazioni fiscali che consentivano un credito d’imposta (originariamente nella misura del 90%, poi ridotta al 50% a partire dal 2015) a favore delle società che avessero sostenuto costi o finanziato progetti di ricerca nelle università, ovvero in enti pubblici di ricerca.
Falsa ricerca – La norma considera “soggetti finanziabili” anche i cosiddetti “organismi di ricerca”, cioè soggetti che svolgono, senza scopo di lucro, attività di ricerca di base, industriale o di sviluppo sperimentale, diffondendone i risultati mediante l’insegnamento, la pubblicazione o il trasferimento di tecnologie. E proprio un “organismo di ricerca” operante in provincia di Padova sarebbe stato la “fabbrica” delle false fatture per operazioni inesistenti, sulle quali si basano i fittizi crediti d’imposta.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

MIUR, l’Organismo Indipendente di Valutazione (OIV) recupera il lavoro inevaso degli anni precedenti

Next Article

Scuola, Bussetti e i precari: «Concorso nel 2019 per metterli in regola»

Related Posts
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.