Nuovi progetti per Nova Universitas

Si riunisce il consorzio interuniversitario per l’alta formazione: Nova Universitàs, in occasione del secondo quadriennio di attività.

Si riunisce il consorzio interuniversitario per l’alta formazione: Nova Universitas, lunedì 19 aprile 2010 presso l’Università di Udine, in occasione del secondo quadriennio di attività.
Fondato il 23 settembre del 2005 è stato riconosciuto come personalità giuridica dal ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca il 12 aprile 2006.
Il Consorzio mira a creare un una metodologia interdisciplinare in merito alle questioni attuali per la società civile e la comunità scientifica.
“Il Consorzio interuniversitario “Scuola per l’Alta Formazione” – spiega il direttore Pietro Lorenzetti – costituisce un esempio di sussidiarietà tra atenei per lo sviluppo di tematiche cogenti per la comunità scientifica. Nasce dalla volontà di alcuni docenti di diversi atenei e di diverse discipline di dare un contributo di innovazione, da un punto di vista metodologico e interdisciplinare, ai curricula di dottorato delle nostre Università”.
Le caratteristiche distintive del Consorzio “possono riassumersi – continua Lorenzetti – in 5 “i”: risorse umane interateneo, interdisciplinarietà e innovatività della didattica, integrazione di didattica e ricerca, internazionalizzazione, oltreché nella provenienza dei relatori, presto anche tramite l’adesione al Consorzio di Università straniere”.
Il Consorzio non rilascia titoli, l’adesione alle sue iniziative si basa sull’interesse dei giovani studiosi per i temi e le metodologie delle iniziative di alta formazione proposte. Nova Universitas è il brand che il Consorzio ha assunto ad indicare che l’identità dello stesso vuole essere la riscoperta del senso e della missione dell’Università delle origini come comunità di docenti e discenti.
Gli Atenei costituenti il Consorzio sono: l’Università degli Studi di Milano Bicocca, l’Università degli Studi Federico II di Napoli, la Luiss Guido Carli, l’Università degli Studi di Macerata, l’Università degli Studi di Udine, l’Università degli Studi di Catania, la Seconda Università degli Studi di Napoli.
La Fondazione Ceur (dei Collegi Universitari legalmente riconosciuti e vigilati dal Ministero), ne supporta l’organizzazione e la logistica dell’attività.
“Una sfida che aspetta Nova Universitas – dichiara Lorenzetti – è anche quella di cimentarsi con la ricerca oltreché con l’alta formazione, anche perché tra i due momenti si può stabilire un circolo virtuoso; lo statuto lo prevede, il Consorzio sta presentando progetti in tal senso”.
Per saperne di più visitare il sito del consorzio Nova Universitas.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sapienza, niente aumento delle tasse ma lotta agli evasori

Next Article

Democrazia partigiana

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".