Nuoro, 1.000 incentivi per 150 matricole

1000euro.jpgQuando si dice “investire nei giovani”. Nei prossimi giorni sarà disponibile il materiale informativo sul bando per l’assegnazione di 150 assegni di studio da 1.000 euro ciascuno per gli studenti che si immatricoleranno – nell’anno accademico 2009/2010 – in una delle facoltà universitarie con sede distaccata a Nuoro (città che non dispone di un proprio ateneo).
La Giunta provinciale di Nuoro, presieduta da Roberto Deriu del Pd, ha deliberato per la redazione del bando che verrà poi pubblicato nel sito della Provincia. Il finanziamento dei 150 assegni di studio è stato approvato dal Consiglio provinciale nell’ultima seduta con la delibera di destinazione dell’avanzo di amministrazione accertato dopo la riduzione dei residui.
«Crediamo nell’Università e vogliamo che diventi uno strumento di sviluppo della Provincia – ha affermato l’assessore Franca Carroni – gli assegni di studi vogliono essere un incentivo per l’iscrizione a Nuoro di studenti della Provincia e oltre, per radicare l’università nel capoluogo e farne uno degli assi strategici per il futuro».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

100 assunzioni in palestra con Virgin Active

Next Article

Bologna: Delbono, i writers e Piazza Verdi

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".