Napoli, studentessa bloccata in ascensore: esame andato male e tanta paura

Studentessa bloccata in ascensore

Studentessa bloccata in ascensore – Prendete un normalissimo ascensore all’Università. Prendete una giornata d’esame, caldo, sole, primi segnali d’estate. Poi prendete una manutenzione che non esiste nemmeno a sognarla, ritardo, ansia, paura, stress. Esame andato male.

No, non è una barzelletta: è accaduto proprio questa mattina all’Università Federico II di Napoli. Una ragazza è rimasta bloccata in un ascensore della sede in via Marina, a Giurisprudenza. Era sola: le porte si sono improvvisamente aperte davanti al muro.

“Ho gridato con tutta la mia voce – ha scritto la ragazza sulle pagine spotted dell’Università. Dopo aver premuto la campanella e gridato a lungo fino a quando qualcuno mi ha sentita. La squadra è arrivata dopo circa mezz’ora che ero al buio da sola, chiusa dentro, con un esame da fare da lì a poco”.

Com’è andata a finire la storia?! Beh, l’esame non è andato tanto bene. In più, la ragazza si è presa una bella paura.

“Mi chiedo dove vanno a finire le tasse che paghiamo se non riescono nemmeno a fare un minimo di manutenzione! Non ho avuto né la forza né il pensiero di andarmi a ribellare contro qualcuno, visto che dovevo fare un esame. Sono indignata. Oltre al voto basso mi sono presa una bella paura e un trauma. Non prenderò mai più un ascensore in vita mia!”.

PS: non prendetelo nemmeno voi a Via Marina. 

Firmato: La studentessa rimasta bloccata in ascensore.

Raffaele Nappi

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Friuli come regione al centro dell'Europa: seminario all'Università di Udine

Next Article

Stamattina le prove INVALSI: Quanti sono i precari in Italia?

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"