Napoli, scontro su facoltà Islam

islam.pngLa laurea triennale in Studi Islamici dell’Istituto Orientale di Napoli potrebbe essere presto accorpata alla facoltà di Lettere e Filosofia dello stesso ateneo. Un’ipotesi, questa, paventata durante l’ultima seduta del Senato Accademico, e fortemente contrastata da Agostino Cilardo, preside della facoltà di studi arabo-islamici e del Mediterraneo dell’Orientale. Per Cilardo «la tradizione plurisecolare degli studi mediorientali dell’Orientale è un vanto dell’intero Paese» e rappresenta «un patrimonio unico che non va sminuito».
Secondo l’islamista le decisioni adottate produrrebbero «un completo annichilimento del corso di laurea, ma soprattutto dell’orientalistica e dell’africanistica tout court, come dell’arabistica e dell’islamistica». «Ambiti questi in cui – ha aggiunto il preside – la necessità di approfondimento culturale si fa ancora più forte, considerando le ultime vicende del mondo mediorientale. Sorprende che un tale ateneo decida di mettere ai margini la componente orientalistica, che da sempre lo caratterizza».
Ferma la risposta del rettore dell’Orientale, Lida Viganoni, che, facendo appello ai vincoli e ai requisiti minimi richiesti dai decreti ministeriali, ha spiegato: «La facoltà di studi Arabo-Islamici si trova in grande difficoltà nel conservare l’offerta didattica. La scelta di accorpare il corso di studi islamici con Lettere non si ripercuoterà sul contenuto e sulla sostanza dei corsi». La professoressa Viganoni ha quindi assicurato che «l’ateneo è saldamente ancorato alle sue radici».

Manuel Massimo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Milano e la carica degli psicologi

Next Article

Per studenti torinesi: Premio Letterario Inner Wheel

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.
Leggi di più

Studenti Erasmus dormono in stazione a Ferrara, il governo spagnolo critica l’ateneo: “Doveva pensare all’accoglienza”

Non si placano le polemiche sul caso del gruppo di studenti spagnoli costretti a dormire in stazione al gelo perché impossibilitati a trovare un alloggio a Ferrara. Il ministro dell'Università iberico ha criticato l'università emiliana per la mancata accoglienza. L'ateneo però non ci sta: "Non era di nostra competenza".