Bocconi, in scena va il musical

Arte e cultura nell’ambiente universitario. A portarle sarà il progetto Musical in Bocconi, tramite l’elaborazione di uno spettacolo musicale unico dal punto di vista artistico e valido sotto il profilo qualitativo.

httpv://www.youtube.com/watch?v=67KHE1CExhg&feature=youtu.be

Arte e cultura nell’ambiente universitario. A portarle sarà il progetto Musical in Bocconi, tramite l’elaborazione di uno spettacolo musicale unico dal punto di vista artistico e valido sotto il profilo qualitativo. L’obiettivo è generare un polo di attrazione e aggregazione nella vita culturale del Campus universitario, proponendo un progetto capace di rappresentare e coinvolgere l’intera comunità studentesca.

Il 2011-2012 sarà il terzo anno di collaborazione tra studenti e professionisti, i quali hanno già avviato le pratiche di un ambizioso progetto, che punta alla realizzazione di un prodotto di elevata qualità e di lunga durata. Il risultato finale, seppur richieda tempo, risorse e impegno maggiori, regalerà all’Università Bocconi uno spettacolo malleabile a più e diversi contesti di fruizione.

Lo spettacolo che verrà portato in scena, il 23 e il 24 maggio, dal titolo “Kashmir, il musical”, è una rielaborazione in chiave musicale del già esistente “Molto rumore per nulla” di W. Shakespeare. Una scelta che implica un totale rifacimento del testo teatrale, che accompagnato dalla grande musica rock degli anni ’70 e ’80 (AC/DC, Deep Purple, Dire Straits, Guns n’ Roses, Kiss, Led Zeppelin, Pink Floyd, Queen, Rolling Stones, The Clash e molti altri) porterà alla realizzazione di un’opera inedita e senza eguali.

Il progetto assumerà un certo rilievo qualitativo, grazie anche alle collaborazioni avviate con l’Accademia di Brera, il contributo della quale è conducibile all’allestimento scenografico, e la Bocconi Students TV, per la realizzazione di diversi prodotti video, che permetteranno la riproduzione dello spettacolo finale e del suo backstage in formato digitale, e la promozione di esso.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Total black, la mostra

Next Article

Agenzia delle entrate, luce sugli incentivi per il rientro dei cervelli

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.