Mongolia: coronavirus, governo ordina chiusura di scuole e università fino al 2 marzo

La Mongolia ha annunciato la chiusura da oggi al 2 marzo di tutte le università e gli istituti di istruzione per contenere la diffusione del coronavirus mortale che sta investendo la Cina. Lo riferisce l’agenzia di stampa ufficiale “Montsame” che cita quanto emerso da una riunione del governo. Il paese ha anche chiuso i valichi di frontiera per automobili e traffico pedonale a partire dalla giornata di oggi, e ha chiesto la cancellazione di tutti gli incontri pubblici.
agenzianova

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Concorsi Scuola, c’è la data: sindacati convocati dal MIUR

Next Article

Le Università vanno a lezione di sviluppo sostenibile

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.