MEETmeTONIGHT: oltre 100.000 partecipanti virtuali hanno seguito l’appuntamento della Notte Europea dei Ricercatori

Si chiude con un grande successo la prima edizione interamente online di MEETmeTONIGHT, l’appuntamento della Notte Europea dei Ricercatori che ha visto il coinvolgimento di città, università e centri di ricerca di Lombardia, Campania, Veneto e Lazio.

Si chiude con un grande successo la prima edizione interamente online di
MEETmeTONIGHT, l’appuntamento della Notte Europea dei Ricercatori che ha visto il coinvolgimento di città, università e centri di ricerca di Lombardia, Campania, Veneto e Lazio.

Il nuovo format, sviluppato in risposta alle limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria, non solo ha garantito lo svolgimento di eventi inizialmente pensati per un contesto fisico senza sacrificarne la natura interattiva, ma ne ha esaltato tutte le potenzialità ampliando notevolmente il pubblico raggiunto da ricercatori e ricercatrici.

Gli eventi trasmessi live sulla pagina Facebook di MEETmeTONIGHT hanno ottenuto infatti oltre 850.000 impression e circa 100.000 visualizzazioni, numeri molto elevati per contenuti a carattere scientifico.

Altro dato interessante, riguarda la provenienza geografica delle persone coinvolte. Se oltre il 40% viene dalla Lombardia e il 15% dalle altre 3 regioni organizzatrici dell’evento, resta sicuramente una buona percentuale di partecipanti provenienti dal resto d’Italia, che diversamente avrebbe difficilmente potuto interagire con i protagonisti di MEETmeTONIGHT.

Segno evidente della portata sempre più nazionale di questo appuntamento giunto quest’anno alla sua nona edizione. Di tutto rilievo anche le performance registrate dal sito web dell’evento www.meetmetonight.it visitato da oltre 33.000 utenti unici (di cui quasi un 60% dalla Lombardia) per un totale di oltre 190.000 visualizzazioni di pagina (con una durata media per ogni sessione di circa 2 minuti e mezzo).

In una fase storica in cui l’online è spesso considerato come arena di facile e incontrollata diffusione di “fake news”, con la due giorni di MEETmeTONIGHT è stato dunque fornito un contributo di estremo valore alla diffusione presso un pubblico variegato di messaggi e concetti utili ad affermare la centralità di scienza e tecnologia, unici antidoti veramente efficaci contro la crisi che stiamo affrontando in questi mesi.

Il Comitato promotore di questa edizione di MEETmeTONIGHT ha visto la presenza di Università di MilanoBicocca, Politecnico di Milano, Università di Milano Statale, Università di Napoli Federico II, Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, dal Comune di Milano e dall’Istituto Nazionale di Astrofisica (con i suoi dipartimenti nelle città di Milano, Napoli, Padova e il CNR – Area di Ricerca di Padova). Hanno partecipato inoltre Università Bocconi, Università Iulm, Humanitas University, Fondazione Don Gnocchi, Università Cattolica, Università LIUC di Castellanza e Università di Cassino e del Lazio Meridionale.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Consiglio degli Studenti, Sindacato e Sottosegretario: Rete e Udu fanno il punto sugli Studenti Lavoratori

Next Article

Alcol e cibo spazzatura: uno studio americano sostiene che si vedano troppo nei film

Related Posts
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.
Leggi di più

Pronti gli aumenti per le borse di studio: per gli studenti fuori sede ci sono 900 euro in più

Il decreto del Ministero dell'Università che fissa i nuovi criteri per l'assegnazione delle borse di studio è al vaglio della Corte dei conti e sta per entrare in vigore. Previsto un aumento medio di 700 euro per ogni studente ma per alcuni casi gli importi saranno anche superiori: per chi studia lontano da casa e non è assegnatario di un posto letto l'assegno passerà da 5.257,74 a 6.157,74 euro.