Maltrattamenti a scuola – Calci e pugni ad alunni disabili: arrestate due maestre

maltrattamenti a scuola

Maltrattamenti a scuola – Due diversi episodi nel Lazio: a Viterbo è stata arrestata una’assistente scolastica colpevole di aver preso a schiaffi e calci un bambino gravemente disabile. La segnalazione è partita dal ragazzo dodicenne che, dopo mesi di vessazione, ha trovato il coraggio di confidarsi con la madre.

Scattata subito la denuncia, i carabinieri della squadra mobile di Viterbo hanno installato telecamere nascoste nell’Istituto, riprendendo la docente mentre schiaffeggiava, colpiva con pugni e strattoni il ragazzo.

Dalle intercettazioni ambientali, inoltre, sono emersi numerosi episodi in cui l’assistente, durante le lezioni, minacciava, offendeva e derideva il bambino. Ieri l’arresto con l’accusa di maltrattamenti nei confronti di un minorenne disabile.

L’altro episodio è accaduto nella scuola elementare del 143esimo Cricolo Spinaceto Plesso Renzini. A darne notizia, stavolta, è l’associazione per la tutela dei minori. La docente, in questo caso, avrebbe sottoposto a vessazioni e maltrattamenti un allievo tredicenne “affetto da disturbo generalizzato dello sviluppo con sintomatologia tipica dello spettro autistico”.

I fatti risalgono all’a.s. 2009 -2010; in seguito ai maltrattamenti il bambino sviluppò uno stato fobico-ansioso. Ora la docente, sanzionata nel Luglio del 2010 dall’Ufficio Scolastico Regionale con la sola censura, è stata ufficialmente rinviata a giudizio.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università di Bologna, continua la protesta: esami in strada e lezioni nei pub

Next Article

Anche gli studenti italiani domani a Bruxelles: "Basta austerity, vogliamo un'altra Europa"

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.