Ma come crescono le donne?

Un gesto simbolico in onore delle donne maltrattate apre la giornata internazionale delle donne a Napoli

Un gesto simbolico in onore delle donne maltrattate apre la giornata internazionale delle donne a Napoli. Alle ore 10.00 nei giardini di piazza Municipio a Napoli l’Assessore alle pari opportunità Pina Tommasielli inaugura un’aiuola di rose in omaggio alle vittime di violenza.

Se crescono le donne cresce il Paese” recita il cartello del Comitato ‘Se non ora quando’ che alle 11.30, presenterà a palazzo San Giacomo il bando di concorso rivolto agli istituti scolastici di Napoli dal titolo ‘La pubblicità e il corpo oggetto: un altro modo esiste ‘.

Ma come crescono le donne? La percentuale femminile ai vertici delle principali società europee raggiunge appena il 13.7% e, di questo passo – dice la Commissione Europea – ci vorranno 40 anni per raggiungere un equilibrio accettabile tra i sessi con una rappresentanza di entrambi almeno al 40%. La scarsa rappresentanza nelle governance, è soltanto uno dei tanti diritti da conquistare in un Paese dove l’occupazione femminile rappresenta un privilegio, il femminicidio spesso impunito e non vengono adottate politiche per migliorare il ruolo della donna nella società.

Il tessuto sociale così com’è non regge e non è a misura di donna” denuncia Tommasielli in un’ intervista al Corriere dell’Università rivolgendo un appello per sostenere la prima casa-rifugio comunale per le donne violentate a rischio chiusura per mancanza di fondi.
Vorremmo fare molto di più” sono le amare parole dell’Assessore che oggi presenta le proposte per la rinascita di Napoli , un programma di iniziative sull’universo femminile provenienti “dal basso”e in programma fino al 21 marzo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Profumo e Fornero in Sapienza, assedio annunciato

Next Article

Deloitte cerca stagisti ad Avellino

Related Posts
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"
Leggi di più

Sapienza, Bologna e Padova le tre migliori università italiane secondo la classifica Artu. Nel mondo a guidare è Harvard

Pubblicata la classifica redatta dall'University of New South Wales di Sydney che unisce in un unico indice i tre ranking mondiali più influenti: Quacquarelli Symonds (Qs), Times Higher Education (The) and the Academic Ranking of World Universities (Arwu). La prima italiana, La Sapienza di Roma, si piazza al 155esimo posto, l'ultima (il Politecnico di Torino) al 370esimo.